envelope-oenvelopebookscartsearchmenu

In breve

Gipuzkoa


(Spagna)


Una cena solidale


per diventare chef


Con il motto «Afrika, Elkarrekin bai» («Africa insieme» in basco), l’Associazione Harambee Africa ha avviato un progetto per aiutare 12 ragazze keniane finanziando i loro studi alberghieri nelle scuole Kibondeni (Nairobi) e Tewa (Mombasa) per diventare chef professioniste e, con il loro lavoro, aiutare la famiglia, oltre a contribuire alla crescita della località in cui vivono. Hanno dato il loro contributo una ventina di “sukaldaris” (“cuochi” in basco), con a capo Inaxio Muguruza, che hanno offerto una cena solidale per raccogliere i fondi necessari.


Portogallo


Duemila


«Zainetti solidali»


per i bambini


di Capo Verde


Oltre cento scuole del Portogallo si sono unite alla campagna “Zainetti solidali”, organizzata dal “Progetto Capo Verde 2018”, che ha raccolto più di 2.000 zaini con materiale scolastico per gli studenti bisognosi di Capo Verde.


Al progetto, che si è svolto nel 2018, hanno partecipato universitari e giovani professionisti appartenenti a diverse organizzazioni portoghesi (Associazione giovanile Alamos, Rampa Club, Cooperativa Telheiras per la promozione della solidarietà e della cultura, Associazione culturale das Areias e Fondazione Maria Beatriz Lopes da Cunha), in collaborazione con la comunità locale di Capo Verde.


Secondo il responsabile di un gruppo di studenti di Fisioterapia dell’Istituto Piaget di Silves, «esperienze come questa sono importanti non solo per il nostro arricchimento personale, ma anche per la nostra crescita come cittadini che mirano a una società più giusta e solidale».


Tegucigalpa


(Honduras)


Incontro


con l’autore di


Posguerra


(Il Dopoguerra)


Il 21 agosto don Onésimo Díaz, storico e membro dell’Istituto Storico San Josemaría, autore del libro Posguerra (Il Dopoguerra), ha pronunciato a Tegucigalpa la conferenza «Il clima familiare trasmesso da san Josemaría». Questa attività è stata promossa dal Patronato delle Cause dei Santi della prelatura dell’Opus Dei, che si dedica a diffondere la devozione e gli insegnamenti di san Josemaría e di altri fedeli della Prelatura, come il beato Álvaro del Portillo o il servo di Dio Ernesto Cofiño. La conferenza ha avuto luogo nell’Hotel Plaza San Martín di Tegucigalpa. Erano presenti più di 400 persone.


Roma (Italia)


Presentazione


del Rapporto


Harambee Africa


International


Il 10 novembre alla Pontificia Università della Santa Croce è stato presentato il Rapporto Harambee Africa International: “The Role of Tertiary Education in Economic and Social Rise of the Sub-Saharian Africa – A Perspective on the Democratic Republic of Congo, Nigeria, Ivory Coast and South Africa”. Il rapporto esamina il ruolo che può svolgere l’educazione superiore per la stabilità sociale ed economica e le circostanze che possono spiegare il fenomeno della «fuga dei cervelli».


San Paolo


(Brasile)


“Performance –


Life Coaching”


per adolescenti


Nell’anno accademico 2018 il Centro Culturale Vereda di San Paolo ha realizzato il Progetto Performance. Si tratta di un programma rivolto agli adolescenti per sostenerli nel loro sviluppo e nella loro crescita umana in ambito intellettuale, sociale ed emotivo. Hanno partecipato studenti degli ultimi anni di alcune scuole della metropoli. Le varie attività li hanno aiutati a riflettere su diversi argomenti, a sviluppare la conoscenza di sé, a riconoscere i propri limiti e le proprie potenzialità. In parallelo, un programma di conferenze orientava i genitori a comprendere il contesto esistenziale dei propri figli e la maniera migliore di aiutarli a crescere. Inoltre, alcuni coach erano disponibili per armonizzare gli obiettivi proposti e stimolare tutta la famiglia a lavorare assieme.


Bogotà


(Colombia)


Duecento


volontari


dell’Università


La Sabana


per la GMG


di Panama 2019


«Avete dato un aiuto fondamentale in occasione della visita del Santo Padre in Colombia e farete altrettanto per la GMG del prossimo gennaio». Con questo messaggio il cardinale primate di Colombia, Rubén Salazar, ha ringraziato i volontari della Sabana per la loro partecipazione all’evento nella Messa dell’invio alla quale hanno partecipato i giovani. La Messa è stata celebrata dal vescovo ausiliare di Bogotà, mons. Pedro Salamanca. Nell’omelia ha invitato i partecipanti a servire con gioia. «I volontari possano impregnare di spirito e di energia coloro che riceveranno a Panama – ha affermato –. Ci realizziamo quando amiamo: amare vuol dire donare, mettersi al servizio, pensare all’altro e aiutarlo a essere migliore».


San Paolo


(Brasile)


Corso


di aggiornamento


per sacerdoti


Dal 17 al 20 luglio, con il titolo “Il presbitero nella cultura postmoderna. Relativismo e secolarizzazione: prospettive pastorali”, si è svolta a San Paolo la decima edizione del Corso di aggiornamento sacerdotale, con la partecipazione di 120 presbiteri di 50 diocesi del Brasile. Nella conferenza inaugurale, l’arcivescovo di San Paolo, card. Odilo Pedro Sherer, ha sottolineato l’attualità del tema. Successivamente, mons. Vicente Ancona Lopez, vicario regionale dell’Opus Dei per il Brasile, ha invitato i partecipanti ad approfittare dei giorni di studio e di convivenza sacerdotale per crescere intellettualmente e spiritualmente.


Le conferenze centrali sono state pronunciate da mons. Luis Romera, professore ordinario della Pontificia Università della Santa Croce, che ha parlato della relazione tra postmodernità, ragione e fede, della secolarizzazione che si è data negli ultimi secoli e delle sfide che la società di oggi presenta al cristianesimo. A sua volta, don Rafael Stanziona de Moraes si è soffermato sul relativismo, le sue cause e le sue conseguenze, oltre che sui concetti di laicismo e laicità. Ha fatto seguito una serie di sessioni pratiche di piccoli gruppi, che hanno dato l’occasione per un più approfondito scambio di idee. Le giornate si sono concluse con una tavola rotonda su ateismo, agnosticismo e indifferentismo.


Valencia (Spagna)


Premio Europeo


al Centro


di Formazione


Professionale Xabec


La Commissione Europea, nell’ambito della Settimana Europea della Formazione Professionale (European VET Skills Week), tenutasi a Vienna (Austria) dal 5 al 9 novembre 2018, ha insignito il Centro di Formazione Professionale Xabec (Valencia) del Premio per l’Eccellenza nella Formazione Professionale. La giuria ha tenuto conto dell’indice di inserimento lavorativo, dell’innovazione applicata all’insegnamento e del valore di inclusione sociale del programma formativo svolto, oltre che delle prospettive internazionali e dell’orientamento personale offerti agli studenti. Xabec ha inaugurato la sua attività nel 2006 in occasione della canonizzazione di Josemaría Escrivá.


Roma (Italia)


Superare


la cultura


dello scarto


Nel mese di ottobre diverse business school latinoamericane si sono riunite a Roma per riflettere su “Impresa, Crescita, Inclusione” alla luce della dottrina sociale della Chiesa. L’incontro è stato organizzato dall’IPADE (Università Panamericana, Messico) in collaborazione con la Pontificia Università della Santa Croce e vi hanno partecipato imprenditori del continente americano. Per gli organizzatori l’obiettivo principale era far prendere coscienza agli imprenditori della necessità di gestire meglio le loro aziende rendendole più umane. L’iniziativa ha voluto contribuire, inoltre, a superare la «cultura dello scarto» denunciata dal Santo Padre Francesco, promuovendo «la creazione di istituzioni e di politiche pubbliche che favoriscano una crescita economica inclusiva».


Roma (Italia)


Formazione


Professionale


nelle periferie


di Roma


Per iniziativa del direttore del Centro di Formazione Professionale dell’ELIS, Pierluigi Bartolomei, nell’ottobre 2017 ha preso l’avvio un progetto per impartire corsi di formazione professionale gratuiti a tutti, in particolare a giovani privi di risorse. Durante il primo anno di attività la scuola ha accolto circa 300 ragazzi nel turno della mattina e 90 nel turno pomeridiano, molti dei quali sono minori non accompagnati che vivono in istituzioni dello Stato. In totale sono stati impartiti 176 giorni di formazione pratica la mattina (1.056 ore) e 154 giorni (308 ore) nell’After School Program.


Napoli (Italia)


Nelle mense


di Napoli


Tre anni fa alcuni amici che frequentano il collegio universitario Monterone a Napoli hanno creato un gruppo di WhatsApp per dare ad altri la possibilità di partecipare a iniziative sociali e di volontariato. Dopo un primo anno di collaborazione con la mensa del Carmine, dove si servono fino a 200 pasti al giorno in 4 turni, gli organizzatori si sono impegnati a occuparsi della mensa di Santa Lucia, dove si servono circa 60 pasti al giorno. Con il tempo molti partecipanti a questa iniziativa hanno imparato a dare una dimensione trascendente al loro impegno di volontariato.


Madrid (Spagna)


Per aiutarle


a superare


la barriera


della lingua


Da circa venti anni la Fondazione Senara aiuta le persone vulnerabili, in particolare a trovare lavoro. Nel mese di gennaio è stato avviato il progetto Fatima, finanziato dal Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione dell’Unione Europea. L’iniziativa offre lezioni di spagnolo e il sostegno di una rete di mentoring a donne di diversi Paesi che arrivano in Spagna senza conoscere la lingua e senza appoggio. L’obiettivo è che le partecipanti possano ottenere la certificazione di un livello linguistico elevato grazie a un corso annuale intensivo di 10 ore settimanali. Inoltre ricevono la consulenza personalizzata di una mentor che le segue nel processo di adattamento al nuovo ambiente.


Giappone


Volontariato


da Taiwan,


Macao e Giappone


Dal 3 al 17 agosto si è svolto un programma di servizio sociale in due città delle Filippine con studenti che frequentano le attività di Heshan Residence a Taiwan, Homlan Student Center a Macao, Yoshida Student Center e Seido Cultural Center a Kyoto e Ashiya (Giappone). A Manila i volontari si sono dedicati a visitare e intrattenere i minori ricoverati nell’Ospedale Generale dei Bambini di Manila e a tenere compagnia ai piccoli malati di cancro e alle loro famiglie nel centro di accoglienza Bahay Aruga. La seconda parte del progetto di volontariato si è svolta nell’isola di Palawan, dove i volontari hanno collaborato al restauro di una scuola e i partecipanti provenienti dal Giappone hanno dato alcune lezioni sulla loro cultura e le loro tradizioni. Alla fine hanno deciso di fondare un gruppo per raccogliere fondi per la scuola.


Nairobi (Kenya)


Visita


a Strathmore


del primo ministro


britannico


Il 30 agosto 2018 Strathmore Business School ha ricevuto la visita del primo ministro britannico, Theresa May. La accompagnavano il primo ministro del Kenya, Uhuru Keniatta, e 29 rappresentanti di diverse aziende inglesi. In occasione della visita, Strathmore ha invitato alcuni rappresentanti locali, allo scopo di stabilire contatti e favorire così una possibile collaborazione. Il primo ministro ha visitato l’università e ha lodato il ruolo che svolge per l’educazione dei giovani che costituiscono il futuro del Paese.

Romana, Nº 67, Luglio-Dicembre 2018, p. 297-301.

Invia ad un amicoInvia ad un amico