envelope-oenvelopebookscartsearchmenu

Ordinazioni sacerdotali

Il 15 agosto, solennità dell'Assunzione della Madonna, hanno ricevuto l'ordinazione presbiterale 21 diaconi della Prelatura della Santa Croce e Opus Dei. Ministro dell'ordinazione, dietro richiesta del Prelato, è stato Mons. Miguel Roca, Arcivescovo di Valencia.

La cerimonia si è svolta nel Santuario di Nuestra Señora de los Angeles de Torreciudad, in Spagna, alla presenza di diverse migliaie di persone che gremivano l'ampio edificio. All'inizio della solenne cerimonia, il Vicario Regionale dell'Opus Dei per la Spagna, Mons. Tomás Gutiérrez, ha dato lettura di una lettera inviata dal Prelato dell'Opus Dei ai novelli sacerdoti, che viene pubblicata integralmente in queste pagine.

Nella sua omelia, l'Arcivescovo di Valencia ha fatto riferimento alle ordinazioni di fedeli della Prelatura, che si ripetono ogni anno. "E' ormai un fatto consueto —ha esordito Mons. Roca— che uomini maturi, universitari con esperienza nei più svariati campi del sapere e della tecnica, mossi dal desiderio di compiere la Volontà divina, rispondano alla chiamata di Dio al sacerdozio". Dopo aver messo in rilievo il servizio reso a tutte le anime dai sacerdoti della Prelatura Opus Dei, "uniti al Papa e al vostro Prelato, in comunione con i Vescovi diocesani e nell'esercizio di una viva fraternità con gli altri sacerdoti diocesani", Mons. Roca ha ricordato con grande affetto il Fondatore dell'Opus Dei, e ha raccomandato caldamente ai novelli sacerdoti: "Imitate il vostro Fondatore, cui sono stato legato da profonda amicizia durante molti anni. Il Servo di Dio è stato fedele alla chiamata di Dio e ha incarnato in pieno lo spirito che il Signore gli fece vedere affinché lo trasmettesse ai suoi figli. In lui avete un vivo esempio, nel quale dovete specchiarvi frequentemente".

I novelli sacerdoti provengono dai seguenti Paesi: Colombia, Filippine, Portogallo, Nigeria, Stati Uniti e Spagna.

Se desidera leggere la versione completa di "Romana", può abbonarsi alla sua edizione cartacea.

Romana, Nº 5, Luglio-Dicembre 1987, p. 228.