envelope-oenvelopebookscartsearchmenu

Santiago e Navan (Cile e Irlanda)Il mondo dei servizi, una cultura per la pace

Il 27-X-2001, un centinaio di giovani ha assistito alla Fase Nazionale dell’Incontro Romano 2002, organizzato dal Centro di Formazione Tecnica Fontanar, un centro educativo di Santiago del Cile che offre indirizzi tecnici di livello superiore nell’area dei servizi.

L’obiettivo era approfondire le possibilità di collaborazione personale, attraverso il lavoro quotidiano, per la pace nel mondo. Nei mesi precedenti si erano svolti gruppi di lavoro ed erano state promosse ricerche sul tema generale del congresso: “Il mondo dei servizi, una cultura per la pace”. Durante la giornata sono state svolte dodici relazioni per mettere in rilievo diversi aspetti dell’apporto alla società che può prestare un professionista del servizio, se ben formato. Ecco alcuni dei temi trattati: “La funzione dell’alimentazione nella vita familiare”, “La creatività nel servizio”, “Volontariato; tempo di dare” e “Amabilità: una comunicazione effettiva”. Le presentazioni hanno mostrato con esempi concreti l’attualità del messaggio del Beato Josemaría sulla santificazione del lavoro professionale.

Il Congresso è stato inaugurato da Enrique Mendoza, Direttore di Scuole di Servizi, esperto nella Gestione delle qualità umane, ed è stato chiuso da Gabriela Cueva, laureata in Scienze domestiche e docente nella Scuola di Amministrazione di Impresa di Servizio dell’Università de Los Andes.

Un’attività simile si è svolta nello stesso mese di ottobre in Irlanda. Organizzato dal Lismullin Institute e dal Lismullin Hospitality Services Centre, il Seminario sull’ospitalità, cui si vuol dare continuità con successive edizioni annuali, ha ricevuto il nome di “Fios Fáilte”, espressione che in lingua irlandese significa “La scienza del benvenuto”.

Il tema di questo primo seminario era “Lavoro in équipe”. Phil Hanlon, vicedirettrice della Graduate Business School dell’Istituto di Tecnologia di Dublino, ha diretto varie sessioni sulle qualità richieste in un buon capo-équipe, il che ha permesso di sottolineare le virtù umane necessarie nel mondo del lavoro. Inoltre, ha raccontato la sua esperienza in Vietnam, dove ha lavorato con un gruppo di professioniste irlandesi per dare inizio a una scuola alberghiera.

Romana, Nº 33, Luglio-Dicembre 2001, p. 223-224.