envelope-oenvelopebookscartsearchmenu

I passi per il riconoscimento del miracolo

La Postulazione della Causa ha avuto notizia della guarigione del dott. Manuel Nevado Rey da una lettera datata 15 marzo 1993. La firmava l’ingegnere Luis Eugenio Bernardo, fedele della Prelatura dell’Opus Dei, lo stesso che aveva suggerito al dott. Nevado Rey la possibilità di raccomandare la sua guarigione al Beato Josemaría Escrivá. Con la collaborazione del diretto interessato, fu raccolta la documentazione e fu condotto uno studio esaustivo della malattia di cui aveva sofferto il dott. Nevado Rey.

Una volta ottenuta la certezza del carattere straordinario della guarigione, il 30 dicembre 1993 la Postulazione della Causa ha consegnato al Vescovo di Badajoz la documentazione raccolta, con la petizione che si istituisse il Processo sul miracolo.

L’investigazione diocesana è stata condotta dalla Curia episcopale di Badajoz dal 12 maggio al 4 luglio 1994. Dopo l’invio a Roma degli atti processuali, il primo passo compiuto dalla Congregazione per le Cause dei Santi è stato il suo studio formale: il 26 aprile 1996 la Congregazione ha stabilito che il Processo era stato svolto nel pieno rispetto delle norme e della prassi giuridica vigente (decreto di validità).

In data 10 luglio 1997 la Consulta Medica della Congregazione per le Cause dei Santi ha affermato all’unanimità che la guarigione del dott. Nevado da “cancerizzazione di radiodermite cronica grave al suo 3 stadio, in fase di irreversibilità” è stata “molto rapida, completa e duratura, scientificamente inspiegabile”.

Il 9 gennaio 1998, i Consultori Teologi della Congregazione, chiamati a pronunciarsi sul carattere preternaturale della guarigione e sulla relazione causale tra l’invocazione del Beato Josemaría Escrivá e la scomparsa della malattia, si sono pronunciati con voto positivo unanime.
In data 21 settembre del 2001, la Congregazione Ordinaria di Cardinali e Vescovi membri della Congregazione, ha confermato il carattere miracoloso della guarigione del dott. Nevado e la sua attribuzione al Beato Josemaría Escrivá.

La lettura del relativo decreto sul miracolo ha avuto luogo il giorno 20 dicembre del 2001, alla presenza del Papa Giovanni Paolo II.

Romana, Nº 33, Luglio-Dicembre 2001, p. 201-202.