envelope-oenvelopebookscartsearchmenu

Lettera di Papa Francesco ai giovani dell’UNIV in occasione del 50° anniversario dell’incontro universitario (16-III-2018)

Romano Pontefice


Lettera di Papa Francesco ai giovani dell’UNIV in occasione del 50° anniversario dell’incontro universitario (16-III-2018)


Ecco una traduzione della lettera.


Carissimi giovani,


in occasione del cinquantesimo anniversario di questo incontro universitario promosso dalla Prelatura dell’Opus Dei, venite ancora una volta nella Città Eterna mossi dall’amore a Dio, alla Chiesa e al Papa. Vi viene offerta così una bella opportunità di incontrarvi con Cristo durante la Settimana Santa e maturare nella fede e nel vostro impegno, insieme ad altri giovani di culture ed esperienze diverse, ma animati da uno stesso desiderio di felicità, pienezza e donazione generosa.


Il vostro incontro ha luogo proprio nell’anno in cui si celebrerà il Sinodo su «i giovani, la fede e il discernimento vocazionale». Vi invito a prepararvi a partecipare a questo evento ecclesiale, e per questo vi farà bene rivolgere lo sguardo a Giovanni, il giovane discepolo che Gesù amava, al quale Gesù donò Maria come Madre nostra. Egli vi insegnerà a riconoscere Gesù che passa nella vostra vita e a seguirlo con l’impeto e la gioia che «riempie il cuore e la vita intera di coloro che si incontrano con Gesù» (Evangelii gaudium, 1).


Sì, il Signore invita tutti noi a seguirlo con gioia e ad amare senza riserve Dio e gli altri. Vi sarà di grande aiuto questo consiglio di san Josemaría: «Cerca Cristo, trova Cristo, ama Cristo» (Cammino, n. 382). Non smettete di coltivare ogni giorno il vostro rapporto di amicizia con Cristo, domandandovi spesso: «Che farebbe Gesù al mio posto? Che cosa posso fare per somigliare sempre più a Lui e portarlo agli altri?». Cercatelo nella preghiera, nei sacramenti, in tutte le circostanze della vostra vita e anche nelle persone che vi stanno vicino: amici, familiari, colleghi di studio, e in coloro che hanno più bisogno e sono i più dimenticati del mondo, nei quali si riflette in modo particolare il volto di Cristo. Vi invito a uscire da voi stessi, vincendo la comodità e l’egoismo di pensare solo alle vostre cose, per mettervi in cammino per incontrare le persone bisognose, servendole con i vostri talenti. Questo è il modo migliore di seguire Cristo e di avere sempre il cuore innamorato di Lui.


Prego per voi, per i vostri progetti e per le vostre aspirazioni, affinché sentiate in ogni momento l’amore del Signore, che ci ha chiamati a una vita di donazione e di servizio.


Vi prego anche di non dimenticare di pregare per me. Che Gesù vi benedica e la Vergine Santa vi guidi.


Cordialmente,


Francesco


Vaticano, 16 marzo 2018

Romana, Nº 66, Gennaio-Giugno 2018, p. 17.