envelope-oenvelopebookscartsearchmenu

In breve

Piura (Perù)
L’umanità
della famiglia

L’Istituto di Scienze per la Famiglia dell’Università di Piura ha organizzato un seminario dal titolo “L’umanità della famiglia”, rivolto a direttori, docenti e genitori delle scuole di Piura (Perù). L’attività si è svolta in 6 giornate nei mesi di maggio e giugno, con conferenze sul significato della sessualità umana, dell’amore coniugale, della vita matrimoniale e della famiglia.

Varsavia
(Polonia)

Intorno al Sinodo

Dal 7 al 10 maggio, nel centro conferenze Dworek nei pressi di Varsavia, ha avuto luogo un corso, riservato a giovani madri di famiglia, sui temi del Sinodo dei vescovi in programma nel mese di ottobre del 2015. Si è discusso su come aiutare le coppie in crisi, quali sono le chiavi per una buona trasmissione della fede in famiglia, come aiutare i divorziati pronti a sposarsi civilmente perché non interrompano i legami con la Chiesa, le conseguenze dell’ideologia gender, quali aspetti morali insorgono all’atto della distribuzione di farmaci anticoncezionali e abortivi, ecc.
Durante lo studio dei diversi argomenti sono stati commentati i documenti del Magistero della Chiesa relativi a tali questioni, oltre che gli interventi di Papa Francesco. I presenti hanno partecipato attivamente ai dibattiti e alla presentazione dei temi. È stato notato uno scambio di esperienze positive sui diversi aspetti della vita familiare.

Montevideo
(Uruguay)

Inserimento sociale
e nuove tecnologie

L’Università di Montevideo (Uruguay) ha fatto proprio il progetto Ibirapitá, che mira a inserire nel mondo dell’era digitale adulti, anche anziani, consegnando loro piccoli strumenti elettronici. Nel corso del 2015 più di 30.000 pensionati riceveranno i dispositivi elettronici e dovranno iscriversi ai corrispondenti corsi per poterli utilizzare.
«Tutti noi professori impegnati a contribuire con idee, mezzi che lascino il segno, creazione di nuove applicazioni e altri servizi, collaboriamo in prima linea. Abbiamo stabilito di lavorare in un centro pubblico per anziani, e questo – ha dichiarato il rettore dell’università, Juan Manuel Gutiérrez – non solo sarà di sostegno alle persone anziane che ne beneficeranno, ma diverrà anche una forma di apprendimento e arricchimento enorme per i nostri alunni e alunne e per i docenti che vi parteciperanno».

Enxomil
(Portogallo)

Giornate pastorali
per sacerdoti

Il 9 febbraio, nel Centro di Convivenze di Enxomil (Portogallo), ha avuto luogo la 17ª edizione delle giornate pastorali per sacerdoti dal tema: “La famiglia: gioie e difficoltà del camminare insieme”. Presiedevano il cardinale Manuel Clemente, patriarca latino di Lisbona, e Mons. José Rafael Espírito Santo, vicario regionale dell’Opus Dei. Hanno partecipato un centinaio di sacerdoti di varie diocesi del Paese lusitano.
La conferenza del cardinale Manuel Clemente s’imperniava in alcuni punti chiave dei due sinodi sulla famiglia. Da parte sua, il professor Diogo Gonçalves (Università di Lisbona) ha presentato alcune esperienze teorico-pratiche sulla promozione dei valori della famiglia.

Pamplona
(Spagna)

Museo
Università
di Navarra

Il 22 gennaio i Reali di Spagna, Filippo VI e Letizia Ortiz, hanno inaugurato il Museo Università di Navarra (Pamplona). Il nuovo edificio, disegnato dall’architetto Rafael Moneo, ospita tra i suoi fondi opere di artisti quali Tàpies, Rothko, Picasso, Oteiza, Kandinsky e Palazuelo.
Alla cerimonia di apertura hanno partecipato oltre 1.500 persone, tra personalità del mondo artistico e culturale, agenti culturali, patroni e imprenditori di provenienza locale, nazionale o internazionale. Il rettore dell’università, Alfonso Sánchez-Tabernero, ha dichiarato che il museo aspira a diventare l’asse della vita culturale del campus e vuole essere anche una porta di comunicazione con tutto il mondo.
Il museo si sviluppa su tre piani e ha una superficie di 11.000 mq. Vi si trovano una cinquantina di opere di pittura e di scultura. Ospita inoltre il fondo fotografico dell’Università di Navarra, composto da 14.000 fotografie e 100.000 negativi dal XIX secolo ai giorni nostri, e comprende il legato artistico del fotografo José Ortiz-Echagüe.

Nairobi (Kenya)
Eastlands College
of Technology

La Fondazione Strathmore Educational Trust ha inaugurato la nuova sede di Eastlands College of Technology, un centro di formazione professionale con 800 posti, situato in un suburbio molto popoloso della città di Nairobi. Il direttore della fondazione promotrice, Andrés Olea, ha spiegato che «questa soluzione, dopo dodici anni trascorsi in una sede provvisoria, è stata possibile grazie ad aiuti locali e di altri Paesi, come Spagna e Belgio».
La metà della popolazione del Kenya – su un totale di 40 milioni – ha meno di 25 anni, ma tra i giovani il tasso di disoccupazione supera l’80%. Eastlands College of Technology affronta questa realtà sociale promuovendo la qualificazione dei giovani, in modo che possano accedere a posti di lavoro che richiedono conoscenze tecniche, e nel contempo mira a dare ai ragazzi le conoscenze necessarie per creare una propria micro-impresa.

Sydney
(Australia)

Riflessioni
sulla famiglia

“L’amore è la nostra missione: la famiglia è viva” è stato il tema scelto da Creston College per il Seminario annuale di Pasqua, seguendo la catechesi di Papa Francesco sulla famiglia e alla vigilia del Sinodo ordinario dei vescovi.
Dalle diverse presentazioni della giornata è emerso che la famiglia è la cellula basilare della società, dove l’identità individuale e la missione cristiana crescono e maturano in ogni suo membro. Tra gli argomenti allo studio sono state analizzate le relazioni umane e le conseguenze pratiche dell’amore matrimoniale autentico.
La conferenza di chiusura, intitolata “Un focolare per il cuore ferito: le sfide pastorali della Chiesa”, ha aiutato a capire la necessità di comprensione e vicinanza nei confronti delle più diverse situazioni dei cattolici, in modo che ogni cuore ferito sia capace di ritornare all’unità della Chiesa. Infine, un esperto ha analizzato l’enciclica Humanae vitae e ha aiutato i partecipanti ad analizzare le ripercussioni della mentalità anticoncezionale degli ultimi 60 anni.

Roma (Italia)
Per alleviare
i disagi

Nel mese di gennaio quaranta ragazzi del Tiber Club sono andati in giro per la Città Eterna distribuendo caffè, cioccolata e cornetti a persone senza casa. Si calcola che, ogni giorno, dalle sei alle ottomila persone dormono per le strade di Roma. Gli studenti hanno ascoltato storie sconvolgenti e spesso dolorose, che offrivano l’occasione di parlare di Dio e della fede cattolica. Hanno cercato così di regalare a tutti alcuni momenti di compagnia.

Madrid (Spagna)
Una conversazione
globale
sul giornalismo

Il 12 febbraio circa seicento persone hanno partecipato alla terza edizione di Conversazioni con, incontro per giornalisti organizzato dalla facoltà di Comunicazione dell’Università di Navarra (Spagna). Riuniti nell’auditorio della Fondazione Rafael del Pino della capitale spagnola, professionisti dell’informazione hanno riflettuto sulla missione del loro lavoro nella società, sulla base dell’esperienza di 15 giornalisti spagnoli e della ex direttrice del giornale statunitense New York Times, Jill Abramson.
La preside della facoltà di Comunicazione dell’Università di Navarra, Mónica Herrero, ha ricordato che «san Josemaría, fondatore della nostra università e promotore diretto dell’Istituto di Giornalismo dell’Università di Navarra, prima iniziativa di formazione universitaria dei giornalisti in Spagna, aveva una consapevolezza radicale e profonda della libertà e della necessità della formazione dei giornalisti a livello universitario».

Bogotà
(Colombia)

Libertà religiosa

La Facoltà di Filosofia, Scienze Umane e Comunicazione Istituzionale dell’Università de La Sabana il 25 giugno ha organizzato una giornata di studio sulla persecuzione che la Chiesa subisce in alcune zone del pianeta. La presentazione è stata fatta da Javier Menéndez Ros, presidente della fondazione La Chiesa che soffre. L’ultimo rapporto mondiale sulla Chiesa perseguitata, redatto da questa istituzione, documenta che si lede la libertà religiosa in 82 dei 196 Paesi studiati.

Gerusalemme
(Israele)

Sulla via
di Emmaus

Il 5 marzo l’istituto Polis, in collaborazione con Saxum Foundation, ha organizzato un percorso lungo la via di Emmaus per guide turistiche israeliane. Hanno partecipato dodici esperti provenienti da città quali Haifa, Tel Aviv, Gerusalemme ed Eilat. Si trattava di percorrere una parte della via che si pensa abbiano percorso i discepoli di Emmaus, e precisamente il tratto fra Abu Gosh ed Emmaus Nicopolis, circa diciotto chilometri tra le colline della Giudea, seguendo il tracciato di un’antica via romana.

Torun (Polonia)
La gioia
del servizio

Nel Centro del Dialogo Giovanni Paolo II di Torun il 16 maggio si è tenuta una conferenza di carattere teologico intitolata “La gioia del servizio”, dedicata al beato Álvaro del Portillo e organizzata dalla Facoltà di Teologia dell’Università Nicola Copernico di Torun. Sono intervenuti Pawel Skibiński, docente di Storia Universale del XX Secolo all’Università di Varsavia e biografo del beato Álvaro; il Rev. Ignacio Soler, sacerdote dell’Opus Dei, dottore in Teologia e membro del Centro Józefológico di Kalisz; il Rev. Jacek Połowianiuk, dottore in Diritto Canonico, professore assistente nella Facoltà di Amministrazione e Scienze Sociali dell’Università Politecnica di Varsavia; e il Rev. Jan Uchwat, dottore in Teologia Morale, direttore spirituale del seminario diocesano di Gdansk e professore di Teologia Morale e Bioetica.

Napoli (Italia)
Homeless Project

Alcuni studenti universitari dell’Accademia Monterone di Napoli hanno avviato due progetti di volontariato in città. Homeless Project è il nome del gruppo di giovani che ogni settimana collaborano alle attività di un centro di assistenza sociale e di carità.
Col titolo di Health Volunteers gli studenti napoletani hanno organizzato una rete di assistenza sanitaria gratuita a persone che si trovano in una situazione di povertà. Alcuni giovani medici offrono il loro servizio a persone indigenti che non possono permettersi esami diagnostici o visite di specialisti. Medici, infermiere e personale sanitario assistono queste persone in ambulatori improvvisati e danno la possibilità di fare un controllo della salute come misura di prevenzione.

Città
del Guatemala
(Guatemala)

Un seminario
sulla nuova
evangelizzazione

Da ormai dieci anni la Residenza Universitaria Lendel di Città del Guatemala organizza un seminario sulla nuova evangelizzazione intitolato “Trasformare la Cultura”, rivolto a donne guatemalteche impegnate in ambito professionale o sociale. “Famiglia, diventa ciò che sei” è stato il tema di questa edizione, tenutasi il 16 e 17 maggio. Più di un centinaio di donne si sono riunite per dialogare e riflettere sui diversi aspetti della famiglia, con l’obiettivo di cercare e stabilire alcune linee di azione nella società. Il tema era stato scelto in occasione dell’anno mariano per la famiglia indetto nella prelatura dell’Opus Dei e in vista della preparazione del prossimo Sinodo ordinario dei vescovi.

Montevideo
(Uruguay)

Presentazione
di una biografia
del Papa

Il giornalista Austen Ivereigh ha presentato una biografia di Papa Francesco all’Università di Montevideo (Uruguay). L’evento ha avuto luogo il 5 maggio, giorno in cui ha tenuto anche lezioni di comunicazione strategica e di retorica nella Facoltà di Comunicazione dell’università.
Ivereigh è co-fondatore e coordinatore di Catholic Voices, una organizzazione che persegue l’obiettivo di inserire i temi che riguardano la Chiesa Cattolica nei mezzi di comunicazione. Collabora spesso in riviste e giornali, come America, The Guardian e Our Sunday Visitor, e nei mezzi audiovisivi, come CCN e BBC.

Campus
Müngersdorf
(Germania)

Moda e identità

Lo scorso 10 marzo il Campus Müngersdorf ha ospitato una conferenza della professoressa Giovanna Finger su “Moda e identità”. La docente italiana ha sottolineato che nella post-modernità la moda può contribuire in modo determinante alla “conformazione” della società.

Eifel (Germania)
Un modo di vivere
sacerdotale

Dal 2 al 4 marzo il centro culturale Haus Hardtberg di Eifel (Germania) ha ospitato una convivenza per sacerdoti allo scopo di approfondire e scambiare idee ed esperienze intorno al modo di vivere sacerdotale.
I 30 partecipanti, alla luce del Magistero della Chiesa e degli insegnamenti di Papa Francesco, hanno riflettuto sulla missione del pastore, sulla nuova evangelizzazione e su alcuni aspetti attuali della vita coniugale e della famiglia. Mons. Klaus Dick, vescovo ausiliare emerito di Colonia, è stato uno dei conferenzieri.

Parigi (Francia)
Donativi
per Saxum

In Francia sono stati organizzati incontri per far conoscere il progetto Saxum e raccogliere fondi.
Il primo evento è stato un recital di pianoforte dato a Lione. Erano presenti più di 200 persone. Dopo aver illustrato il progetto Saxum, la pianista Anne Bertin-Hugault ha interpretato alcuni brani di Liszt alternandoli con la lettura dell’epistolario dell’autore.
Il secondo concerto, questa volta di canto, ha avuto luogo nel Centro Culturale Garnelles a Parigi; nel programma figurava “Il viaggio d’inverno” (Winterreise) di Franz Schubert. In sintonia con uno degli obiettivi di Saxum – quello di favorire il dialogo interreligioso –, il concerto è stato organizzato in un centro della prelatura dell’Opus Dei con la collaborazione di persone di altre religioni: il cantante e il pianista, suo figlio, erano ebrei, il presentatore musulmano. Proprio quest’ultimo ha illustrato ognuno dei 21 brani prima della loro esecuzione. Alla fine del recital è stato offerto un aperitivo preparato rispettando le prescrizioni religiose dei presenti.

Romana, Nº 60, Gennaio-Giugno 2015, pag. 123-128.