envelope-oenvelopebookscartsearchmenu

Messaggio in occasione del terremoto in Emilia-Romagna (22-V-2012)

“Ritornato a Roma da un breve viaggio, mi sono reso conto meglio dell’entità dei danni causati dal terremoto che ha colpito le province di Modena e Ferrara. Scrivo queste righe per stare ancora più vicino ai miei figli e ai loro familiari eventualmente coinvolti.
“Appena ne ho avuto notizia attraverso i mezzi di comunicazione, ho raccomandato al Signore quanti hanno perduto la vita, i loro familiari, i feriti e tutte le persone che hanno subito danni morali e materiali.

“Ho fatto ricorso anche all’intercessione di San Josemaría, con il quale io stesso sono passato diverse volte vicino a quelle zone, e ho pregato per tutti gli abitanti, affinché i danni siano limitati, anche se tutti sappiamo – e forse ci sembrerà incomprensibile – che Dio continua ad assisterli sempre con cuore di Padre.

“Supplico la nostra Madre del Cielo che dia forza ai soccorritori e a coloro che collaborano ai progetti di intervento disposti dalle Autorità, e aiuti tutti a non disperare.

“Invio la mia benedizione, che va sempre unita a quella di San Josemaría e dell’amatissimo don Álvaro”.

Romana, Nº 54, Gennaio-Giugno 2012, p. 77.