envelope-oenvelopebookscartsearchmenu

Chiusura della fase istruttoria del Processo di Canonizzazione del Servo di Dio José María Hernández Garnica (17-III-2009)

Mons. César Franco Martínez, Vescovo Ausiliare di Madrid, ha chiuso la fase diocesana del processo di canonizzazione del Servo di Dio José María Hernández Garnica (1913-1972), sacerdote della Prelatura dell’Opus Dei.

Il Vescovo ha messo in evidenza “l’importanza della santità nella vita della Chiesa, che si aspetta la santità come primo contributo dei cristiani”, e ha sottolineato “la fedeltà” del Servo di Dio nel “dedicare la propria vita alla santificazione di molte persone”, a “propagare il carisma con cui lo Spirito Santo ha arricchito la Chiesa attraverso San Josemaría”.

Poi si è augurato che la sua figura “sia per noi un incentivo, uno stimolo alla santità, come ogni cristiano deve essere. Magari avessimo la possibilità di fare altri processi come questo, perché sarebbero una dimostrazione della vitalità della Chiesa”.

Durante la cerimonia sono state chiuse e sigillate con la ceralacca le casse contenenti le prove documentali e testimoniali raccolte dal tribunale dal febbraio del 2005, che saranno inviate alla Congregazione per le Cause dei Santi per ottenere il decreto di validità del processo.

Don José María Hernández Garnica è stato uno dei primi fedeli dell’Opus Dei, avendovi aderito nel 1935. Dottore in Ingegneria mineraria, in Scienze Naturali e in Teologia, fu uno dei primi tre fedeli dell’Opus Dei che vennero ordinati sacerdoti nel 1944; gli altri due furono i Servi di Dio Álvaro del Portillo e José Luis Múzquiz.

Con grande generosità ha cercato la santità nell’attività professionale e poi in quella propria del sacerdote. Ha svolto un ampio lavoro apostolico e pastorale in Spagna, Inghilterra, Irlanda, Francia, Austria, Germania, Svizzera, Belgio e Olanda. Oltre ai mezzi soprannaturali, non ha lesinato sforzi nel porre i rimedi umani alla sua portata: ha imparato diverse lingue, si è adattato ai differenti ambienti e ha fatto fronte a scomodità di ogni tipo nei Paesi nei quali cominciava l’attività apostolica dell’Opus Dei.

Romana, Nº 48, Gennaio-Giugno 2009, p. 129-130.