envelope-oenvelopebookscartsearchmenu

La Giornata “Cammini di libertà” a Pallerols

Per il quinto anno consecutivo l’Associació d’Amics del Camí de Pallerols de Rialb a Andorra (www.pallerols-andorra.org) ha organizzato la festa della Trobada de la rosa, con la quale si vuol rievocare il passaggio del Fondatore dell’Opus Dei 70 anni fa, nel 1937, allo scopo di valicare i Pirenei. Prende il nome dalla rosa di legno dorato che san Josemaría trovò a Pallerols la mattina del 22 novembre 1937. Egli aveva trascorso la notte precedente pregando insistentemente Dio e la Madonna di fargli vedere chiaramente se stava facendo la Volontà di Dio dirigendosi ad Andorra per poter continuare liberamente la propria attività pastorale oppure se doveva ritornare da sua madre e dai membri dell’Opera che erano rimasti a Madrid. Il ritrovamento della rosa lo confermò nella decisione di proseguire.

Il Vescovo de La Seu d’Urgell, S.E.R. Mons. Joan Enric Vives, ha celebrato la Santa Eucaristia all’aria aperta. Ha sottolineato l’importanza della devozione alla Vergine Maria nella vita di san Josemaría, e specialmente nei momenti che passò nella cappella di Pallerols, situata nel perimetro urbano di Peramola. Era presente anche il Vicario della Prelatura dell’Opus Dei in Catalogna, Dr. Antoni Pujals.

La celebrazione religiosa è stata l’atto centrale dei due giorni di festa, in cui hanno avuto luogo anche attività culturali e gite. Sabato 1° dicembre a Peramola si è tenuta una tavola rotonda di esperti, i quali hanno analizzato le diverse vie praticate per evadere attraverso i Pirenei, con proposte di riconciliazione e di rispetto per la libertà. Fra le autorità presenti figuravano Joan Ganyet, direttore generale per l’architettura e il paesaggio del Governo regionale autonomo della Catalogna, il Presidente del Consiglio della circoscrizione dell’Alt Urgell, Jesús Fierro, e i sindaci di Peramola, Joan Pallarès, e della Baronia di Rialb, Pere Prat.

Con la festa si è rinnovata anche l’immagine della Madonna del Rosario: una nuova scultura lignea presiede ora la cappella. Infine, si è ripristinata anche la tradizionale processione di San Esteban de Pallerols.

Romana, Nº 45, Luglio-Dicembre 2007, p. 309-310.

Invia ad un amicoInvia ad un amico