envelope-oenvelopebookscartsearchmenu

Don Álvaro

Nel pomeriggio del 23 marzo, nella chiesa di San Josemaría a Roma, il Prelato dell’Opus Dei ha presieduto una concelebrazione eucaristica in suffragio del Servo di Dio Mons. Álvaro del Portillo nel dodicesimo anniversario del suo transito in Cielo. Riempivano la chiesa numerose famiglie del quartiere e anche molte altre persone che a Roma partecipano alle attività pastorali della Prelatura. In tutti è viva l’immagine di don Álvaro, che, fra l’altro, si è tanto prodigato per la costruzione della chiesa parrocchiale di San Josemaría.

Anche in molte altre città di tutto il mondo si è pregato per don Álvaro in occasione dell’anniversario della sua morte e sono state celebrate Messe in suffragio della sua a-nima. A Kinshasa ne è stata celebrata una il 22 marzo nella cattedrale di Notre Da-me du Congo. È stata presieduta da Mons. Xavier Hervás, Vicario Regionale della Prelatura, con il quale hanno concelebrato sacerdoti di diverse diocesi del Congo: Lisala, Kolwezi, Molegbe e Kinshasa. Erano presenti molte famiglie, che testimoniavano la loro gratitudine per chi aveva preso la decisione di cominciare il lavoro stabile della Prelatura nel Paese. Nell’omelia Mons. Hervás, commentando il messaggio di Benedet-to XVI per la Quaresima, ha invitato i presenti a vivere questo tempo di grazia e di con-versione con senso di responsabilità, essendo fermento di santità nel proprio ambiente e specialmente nella propria famiglia, come tante volte aveva insegnato don Álvaro. Inoltre ha raccomandato ai presenti di avvicinarsi alla fonte della misericordia divina, ossia ai sacramenti, specialmente all’Eucaristia e alla Confessione. Di fatto molte persone quel pomeriggio hanno potuto ricevere il sacramento della riconciliazione.
Nell’orazione dei fedeli e in altri momenti della cerimonia si è pregato per il Papa e per la pace nel Congo e in tutto il mondo.
Come tutti gli anni, il 23 marzo il CITE Technical Institute ha organizzato nella città di Cebú (Filippine) una Messa per don Álvaro. Ha avuto luogo nella cattedrale ed è stata concelebrata dal Vescovo, Mons. Julito Cortes, e da altri due sacerdoti. Erano presenti un migliaio di persone, fra le quali molti alunni del CITE con le loro famiglie e gli amici.

Romana, Nº 42, Gennaio-Giugno 2006, p. 118.