envelope-oenvelopebookscartsearchmenu

In breve

ROMA

Aggiornamento per docenti

Dal 14 al 21 marzo 1987 si è svolto a Roma, presso la scuola femminile Petranova, un corso di aggiornamento per docenti di scuola secondaria sul tema Programmazione didattica ed orientativa. Le tre sessioni del corso —proseguimento di un altro svoltosi a dicembre nella stessa sede— hanno visto circa ottanta insegnanti di diverse scuole statali della città impegnati nello studio e nell'approfondimento di tematiche connesse con l'attività didattica. Le conferenze e i gruppi di lavoro sono stati un'occasione per evidenziare l'inscindibilità del ruolo didattico dalla funzione orientativa; la necessità della costante autoformazione del docente e, infine, l'esigenza di un maggiore coinvolgimento delle famiglie nell'educazione scolastica. Parecchi docenti intervenuti si sono interessati al lavoro formativo svolto nella scuola sede del corso ed hanno manifestato il desiderio di partecipare ad altri futuri incontri.

La Scuola Petranova, che ha sette anni di vita, è stata promossa da un gruppo di genitori, molti dei quali membri della Prelatura Opus Dei, per favorire un'educazione integrale della persona, mediante una stretta unità di obiettivi tra scuola e famiglia.

LAGOS

La Messa nella vita del sacerdote

Lo scorso 13 maggio si è tenuto a Iroto Conference Centre, nell'Ogun State (Nigeria), il quarto seminario per sacerdoti diocesani, con la partecipazione del Vescovo, Mons. Anthony Sanusi, dell'Arcivescovo di Lagos, Mons. Anthony Okogie, e di molti sacerdoti delle diocesi di Ijebu Ode, Lagos e Ibadan. Il relatore, Rev. Laurence Adesina, direttore del Pastoral Institute of Bodija (Ibadan), si è soffermato sulla Messa come centro della vita cristiana, mettendo in luce le possibilità che offrono la liturgia della Messa e il lezionario per favorire la crescita della comunità cristiana; per raggiungere quest'obiettivo —ha affermato— è indispensabile che il sacerdote faccia girare la sua vita interiore attorno alla Messa. In concreto, ha sottolineato la necessità della meditazione assidua dei testi liturgici per incorporarne i contenuti alla propria vita e trasmetterli ai fedeli.

Nel vivace colloquio al termine della conferenza, sono stati raccolti abbondanti suggerimenti pratici perché la Messa diventi il centro della vita sacerdotale.

PALERMO

In vista del primo impiego

Il Centro di Attività Formative e Professionali nel campo dell'Informatica, di Palermo, ha concluso nel I semestre 1987 l'intero ciclo sperimentale previsto dal Progetto "Nuova Sicilia", volto alla qualificazione specialistica di 60 giovani diplomati in cerca di prima occupazione. Sono stati svolti due corsi di contabilità assistita dal calcolatore e un corso di analisi di procedure gestionali, ciascuno dei quali rivolto a venti allievi che usufruiscono di una borsa di studio di specializzazione e formazione professionale. L'iniziativa ha assunto un particolare valore sociale: successivamente ai corsi gli alunni meglio qualificati potranno accedere a stages organizzati presso alcune aziende della provincia di Palermo caratterizzate da particolare qualità organizzativa e dotate delle più moderne attrezzature informatiche. Si è trattato di un programma innovativo per la Sicilia —tenendo conto delle particolari circostanze di crisi occupazionale in cui versa la regione— che ha istituito un collegamento tra la scuola pubblica e le aziende in fase di sviluppo. Il programma dei corsi comprendeva incontri su temi di formazione cristiana (dottrina sociale della Chiesa, virtù umane). E' stato inoltre attuato un servizio di assistenza educativa personalizzata volto a sviluppare negli allievi un atteggiamento positivo verso il lavoro, superando gli ostacoli del primo impatto col mondo professionale.

JÜLICH (Germania)

Quale femminismo?

Tra le numerose attività formative per adulti, presso il Forum für Bildung und Kultur di Jülich (Germania), si sono svolti dei seminari letterari, pedagogici e teologici. Uno dei gruppi, che aveva scelto come tema di lavoro Grandi personaggi femminili, ha studiato la vita e le opere di Edith Stein, Hildegard von Bingen e Gertrud von le Fort.

Nel giugno 1986, la Dott.ssa Jutta Burggraf ha affrontato il tema del femminismo con una conferenza intitolata La Madre della Chiesa e la donna nella Chiesa, il cui testo è stato pubblicato dalla casa editrice Butzon & Bercker nella collana "Kleine Schriften des Internationalen Mariologischen Arbeitkreises Kevelaer" (IMAK).

Dopo aver messo in risalto i molteplici valori positivi del movimento per l'uguaglianza giuridica e sociale dei sessi, ha accennato ai pericoli di ciò che ha definito la teofantasia femminista, una interpretazione parziale e arbitraria della Bibbia per quanto riguarda la funzione specifica e differenziale dei sessi. "E' Dio stesso —ha affermato— a determinare la vocazione della donna, e non l'arbitrio della donna". Maria —ha concluso— è modello per tutti, ma più specificamente per la donna. Virtù quali l'oblatività, l'umiltà, la disponibilità al sacrificio, così palesi nella Madonna, "sono solo possibili grazie ad un'attività spirituale superiore". E anche se queste virtù sono poco apprezzate nella nostra società, occupano pur sempre un altissimo posto nella giusta scala di valori e, proprio perché rare, diventano estremamente necessarie.

MONTERREY (Messico)

La Madonna nelle case

Allo scopo di assecondare il volere di Sua Santità Giovanni Paolo II nell'indire l'Anno Mariano, i Centri Culturali Sillares, Roda e Sierra Madre, le Residenze Universitarie Montesilla, Mirador, Anáhuac e il Centro Universitario Monte Real, di Monterrey, hanno organizzato numerose attività volte a promuovere una migliore comprensione dell'Enciclica Redemptoris Mater.

E' stata intrapresa una vasta promozione della recita del Rosario, mediante apposite riflessioni nei ritiri spirituali e nei corsi di dottrina cristiana rivolti a professionisti di diverse aree.

Grazie a tali attività sono sorte diverse iniziative mariane in ambito cittadino. In un quartiere popolare, per esempio, alcune famiglie hanno messo in circolazione trenta immagini itineranti della Madonna di Guadalupe, che sostano ogni giorno in una casa, invitando alla recita del Rosario in famiglia; spesso diverse famiglie si riuniscono per recitarlo assieme. L'iniziativa è stata imitata da molte famiglie di altri quartieri cittadini, che a loro volta hanno messo in circolazione nuove immagini della Madonna.

LISBONA

Uno sguardo all'Europa

Il Club Xénon, di Lisbona, ha voluto offrire una visione cristiana della storia e della cultura europee nel programma intitolato Temas do Pensamento Europeo. L'iniziativa, rivolta agli alunni degli ultimi anni del liceo, ha avuto una vasta eco; essa si inquadra nel mosaico di attività che intendono raccogliere l'invito del Santo Padre ad adoperarsi per una urgente e capillare rievangelizzazione dell'Europa. Tavole rotonde, conferenze, dibattiti si sono susseguiti negli ultimi sei mesi ed hanno toccato i temi più svariati: dalla biotecnologia fino alle moderne tecniche televisive, senza escludere argomenti di filosofia, psicologia, ecc.

Alle conferenze sono intervenuti personaggi di rilievo nazionale: fra gli altri il Ministro della Cultura, Teresa Patrício Gouveia, il Prof. Ernàni Lopes, ex-ministro delle Finanze, e il Dott. Pacheco de Andrade, direttore del quotidiano Diario Popular.

In risposta all'interesse manifestato da molti ragazzi sono cominciati diversi corsi di dottrina cristiana.

QUITO

Corso serale per tecnici

Per quattordici anni il Colegio Intisana di Quito ha organizzato corsi serali di Cultura Umanistica, di cui hanno beneficiato molte famiglie di scarse risorse economiche. Di recente però, per venire incontro a una esigenza specifica del Paese, si è ritenuto opportuno trasformare questa sezione in una scuola tecnica.

Per coprire le spese di trasformazione, la società che gestisce la scuola si è rivolta a diversi organismi nazionali e stranieri. Grazie al loro aiuto, i lavori di costruzione e l'allestimento di laboratori e officine sono a uno stadio ormai avanzato. Il nuovo corso serale di Intisana disporrà di laboratori di elettricità, informatica ed elettronica, in un nuovo edificio con una capacità di trecento studenti.

NAIROBI

L'insegnamento sociale della Chiesa

Strathmore College ha organizzato nel mese di marzo un ciclo di conferenze sulla dottrina sociale della Chiesa. Nella prima il Dott. D. C. Sperling, Presidente del Board of Trustees del College, ha trattato il tema L'uomo e il bene comune. Il Presidente della Conferenza Episcopale del Kenya, Mons. Raphael Ndingi Mwana'a Nzeki, Vescovo di Nakuru, ha dissertato su La famiglia e la società. Ha chiuso il ciclo il Prof. T. C. I. Ryan, Direttore di Pianificazione.

Le relazioni sono state seguite con grande attenzione dagli alunni, dalle loro famiglie, e da molti ex-alunni. Alla fine di ogni conferenza i partecipanti hanno dato vita a un interessante dibattito.

BRUXELLES

Un aiuto agli immigrati turchi

"Les Marolles" è un quartiere popolare di Bruxelles caratterizzato da un altissimo indice di immigrazione. Un gruppo di studenti del Club Narval lavora a un progetto di assistenza a un centinaio di immigrati turchi, residenti nella borgata. Si tratta di quindici famiglie emarginate per la loro differente cultura, l'ignoranza della lingua e la povertà conseguente alla disoccupazione.

Incoraggiati dal parroco del quartiere, i ragazzi cominciarono a visitare regolarmente queste famiglie e il desiderio di portare un aiuto si concretò presto in lezioni di francese e di cultura generale per gruppi omogenei costituiti in base all'età. Molti degli immigrati sono cattolici e hanno espresso anche il desiderio di studiare il catechismo. Gli stessi ragazzi aiutano il parroco in questa particolare catechesi e organizzano programmi per i fine settimana —competizioni sportive, visite ad altre città, ecc.— miranti ad agevolare l'integrazione totale dei lavoratori turchi nell'ambiente sociale.

CALAMBA (Filippine)

Per la donna contadina

Aniham, Centro Rurale per lo sviluppo professionale della donna, ha iniziato le sue attività nei primi mesi del 1987, e raggruppa oggi ottanta alunne.

Il Centro offre alle giovani delle zone rurali una preparazione professionale per l'amministrazione di collettività e per i lavori domestici. Nei corsi di questo primo anno sono state trattate le seguenti materie: cucina e dietetica, organizzazione del lavoro, salute e sanità, inglese e scienze sociali. Oltre a questo corso istituzionale, le alunne possono seguirne altri, di poche settimane, su particolari argomenti di cucina e artigianato.

La preparazione professionale si completa con la formazione dottrinale e religiosa, al fine di offrire una visione cristiana dei problemi della donna. Questa formazione integrale ha destato l'interesse degli imprenditori che operano nei dintorni del Centro Rurale. Alcuni hanno deciso di permettere alle giovani impiegate delle loro ditte la presenza ai corsi, mediante un orario di lavoro più flessibile e la concessione di borse di studio.

BARCELLONA

I sacerdoti di fronte all'Europa

La nuova evangelizzazione, in linea col discorso pronunziato nel 1972 da Giovanni Paolo II in occasione dell'Atto europeistico di Santiago de Compostela, è stato il leit-motiv delle ultime Giornate di Questioni Pastorali, promosse dal Centre Sacerdotal di Barcellona. Oltre duecento presbiteri di tutte le diocesi catalane sono convenuti a Castelldaura, un Centro di convegni nei pressi della città.

Il programma, oltre a conferenze, sessioni di studio, tavole rotonde e riunioni informali coi relatori, prevedeva anche spazi di tempo per approfondire argomenti spirituali, per l'adorazione eucaristica e la recita del Rosario.

L'intervento di Mons. Joan Martí Alanís, Vescovo di Seu d'Urgell e membro della commissione permanente della Conferenza Episcopale Spagnola, ha messo in risalto l'ottimismo soprannaturale con cui va affrontata la sfida proposta da Giovanni Paolo II.

Tra gli altri relatori hanno fatto spicco Mons. Josep Maria Aragonés, Vicario episcopale di Barcellona, che ha parlato della catechesi per l'uomo moderno; il giornalista Ricardo Estarriol, corrispondente estero a Vienna, che ha illustrato la situazione dei cattolici nei Paesi dell'Est; e il Rev. Prof. José Orlandis, ordinario di Storia della Chiesa all'Università di Navarra, che ha ricordato le gesta della prima evangelizzazione dell'Europa.

LONDRA

In preparazione all'Anno Mariano

A Dawliffe Hall, un Centro Culturale di Londra, si è tenuto un seminario di Mariologia in preparazione all'Anno Mariano. Nelle due giornate dell'incontro è stata studiata l'Enciclica Redemptoris Mater, assieme ai grandi temi dottrinali che sono alla radice dello sviluppo della devozione alla Madonna nel popolo cristiano. Il corso si è chiuso con la proiezione di un documentario sul Santuario mariano di Torreciudad.

Anche nel londinese Woodlands Study Centre e nel Centro di Incontri Thornycroft di Macclesfield, si sono svolti analoghi corsi, della durata di un giorno. La vasta presenza a queste manifestazioni è segno dell'interesse sollevato dall'indizione dell'Anno Mariano.

ABIDJAN

Imparare a essere madri

In Costa d'Avorio, paese in via di sviluppo, il livello culturale cresce rapidamente, e le madri educate in un ambiente culturale meno esigente trovano spesso difficoltà a risolvere i problemi dei bambini in età scolare. Per questo motivo, il Centro Culturale Kaïcédrat ha organizzato quest'anno un corso di formazione familiare rivolto alle madri.

Le conferenze hanno toccato i diversi aspetti della vita dei bambini: i loro studi, i rapporti dei genitori con la scuola, il modo di favorire un ambiente di studio in casa... Il capitolo dedicato al tempo libero —letture, televisione, ecc.— ha suscitato tra le madri grande interesse.

Il ciclo di conferenze ha avuto l'appoggio di professionisti dell'insegnamento e della pedagogia, come María del Carmen Cañabate, che vanta una lunga esperienza nella direzione di scuole secondarie, e le Prof.sse Marie Chabert e Marguerite Chérel.

Le sessioni sulla formazione morale e spirituale erano affidate al Rev. Dott. Franck Touzet, sacerdote della Prelatura, che ha ricordato il dovere dei genitori di educare cristianamente i figli. Ha insistito anche sull'importanza di favorire nei bambini, fin da piccoli, una solida vita spirituale aiutandoli —con l'esempio e con la parola— a frequentare i sacramenti.

LIMA

Inaugurazione dell'Anno Accademico a Montemar

Il 27 aprile scorso si è svolta l'inaugurazione dell'Anno Accademico 1987 dell'Instituto Superior Tecnológico Montemar, che impartisce corsi di Amministrazione di Servizi Alberghieri e di Arti grafiche e Disegno pubblicitario.

Dopo la Santa Messa, l'atto accademico ha preso avvio con la lettura della memoria dell'anno precedente. Sono state ricordate in particolare la XIII Mostra Annuale di Arti Grafiche, e la II Mostra Annuale di Amministrazione di Servizi Alberghieri. E' stato inoltre menzionata la I Expo de Ex-alumnas, avvenuta nel settembre 1986, con l'esposizione in una galleria della città di lavori di cinquanta ex-alunne.

La Direttrice, Consuelo Ibáñez Salazar, ha presentato la Dott.ssa Ursula Ramírez de Vega, che ha tenuto la lezione inaugurale sul tema Linguistica e Strutturalismo.

Alla cerimonia hanno preso parte alunne, insegnanti e genitori.

Romana, Nº 4, Gennaio-Giugno 1987, pag. 154-158.