envelope-oenvelopebookscartsearchmenu

Betlemme Incontro interculturale

Betlemme, luogo d’incontro. Si è qui riunito l’estate scorsa un gruppo di universitarie inglesi, irlandesi e arabe per realizzare un progetto sociale e culturale. Il fine dell’iniziativa, che dura da tre anni, è di incrementare il dialogo interculturale e di contribuire alla reciproca comprensione in queste terre, per mezzo di attività culturali e sociali che riuniscono membri delle diverse comunità.

Organizza congiuntamente il progetto il Birantá Study Center di Gerusalemme, il Glenalvon Cultural Centre (di Glasgow, Scozia) e la Glenard University Residence (di Dublino, Irlanda). Quest’anno si è svolto un corso intensivo di inglese e di ebraico per ragazze palestinesi di Betlemme. Le volontarie giunte dalla Scozia e dall’Irlanda hanno tenuto le lezioni d’inglese, mentre le professoresse arabe hanno svolto le lezioni di ebraico.

L’attività comprendeva pure seminari di filosofia per le studentesse irlandesi e inglesi, organizzati a Gerusalemme dal Birantá Study Center. Sono tate effettuate visite ai Luoghi Santi in Galilea e a Gerusalemme e ci sono stati altri appuntamenti d’interesse storico e culturale. Le volontarie europee hanno condiviso l’alloggio con le professoresse arabe e hanno avuto incontri con studentesse ebraiche, che avevano collaborato negli anni precedenti.

La presidente dell’ “Arab Women’s Union” di Betlemme ha messo a disposizione la sede per le attività, cui hanno assistito 43 persone. Il corso comprendeva grammatica, conversazione e alcuni seminari sulla necessità di dialogo e comprensione per costruire un futuro in comune. Sono state organizzate gite in zone non sempre accessibili a tutti, come le fertili colline di Ain Karim, ed è stato organizzato anche un festival per le famiglie delle ragazze locali.

A loro volta, le famiglie arabe hanno offerto alle volontarie un’amabile ospitalità, invitandole a pranzo e facendo loro scoprire allo stesso tempo le proprie ricche tradizioni.

Romana, Nº 31, Luglio-Dicembre 2000, p. 278-279.

Invia ad un amicoInvia ad un amico