envelope-oenvelopebookscartsearchmenu

Viaggi pastorali

Dopo aver ricevuto la benedizione del Santo Padre Giovanni Paolo II per tutte le persone e i gruppi che avrebbe incontrato, il Prelato dell'Opus Dei ha intrapreso nel mese di agosto un nuovo viaggio per i Paesi dell'Europa occidentale. Scopo precipuo del viaggio era il desiderio di stimolare i fedeli della Prelatura nel loro impegno per la rievangelizzazione del vecchio continente.

Mons. Alvaro del Portillo è arrivato in Austria il 3 agosto e si è trattenuto per tre giorni nella Tagungshaus Hohewand, un Centro di convegni e ritiri spirituali a Dreistetten. Lì si è incontrato con membri e Cooperatori dell'Opus Dei e ha ricevuto i giovani partecipanti a un campo di lavoro che vi si stava svolgendo.

Dall'Austria è partito alla volta della Svezia. A Stoccolma ha trasmesso a un gruppo di membri della Prelatura la benedizione del Papa, cui tanto sta a cuore il lavoro di evangelizzazione nei Paesi Scandinavi. Poi, il Prelato dell'Opus Dei si è recato in pellegrinaggio mariano nelle antiche città cristiane di Sigtuna e Vadstena.

Il Belgio e i Paesi Bassi sono state le tappe succesive del viaggio. A Utrecht e a Bruxelles ha rinnovato, il 15 agosto, la consacrazione dell'Opus Dei al Cuore Immacolato di Maria, realizzata per la prima volta dal Fondatore nella Santa Casa di Loreto, il 15 agosto 1951. Tanto ad Amsterdam quanto a Utrecht e a Bruxelles numerosi sono stati gli incontri del Prelato con membri della Prelatura e le riunioni di lavoro con i componenti dei rispettivi Consigli Regionali. Prima di lasciare l'Olanda, Mons. Alvaro del Portillo ha pregato nella chiesa della Madonna di Haarlem.

Dopo una breve sosta a Parigi, dove si è recato a pregare nel santuario della Madonna della Medaglia Miracolosa, il Prelato ha proseguito fino al Centre de Rencontres Couvrelles, nel Dipartimento dell'Aisne, dove ha vissuto per tutto il tempo del soggiorno in Francia. Anche qui si sono susseguiti incontri con vari gruppi di persone. Un pellegrinaggio alla Madonna di Liesse ha accentuato il tono mariano di questo viaggio pastorale.

Il 23 agosto, al suo arrivo a Colonia, Mons. Alvaro del Portillo ha reso visita al Card. Höffner, Arcivescovo della città e Presidente della Conferenza Episcopale Tedesca. Il Cardinale ha manifestato ancora una volta la sua gioia e il suo apprezzamento per il lavoro apostolico svolto dai fedeli dell'Opus Dei nella sua diocesi, e se ne è augurato la crescita in estensione e intensità, a maggior servizio della Chiesa.

Anche qui il Prelato si è intrattenuto con moltissimi membri e Cooperatori dell'Opera, incoraggiandoli a portare la dottrina di Cristo in tutti gli angoli della Germania e nel mondo intero. Le riunioni più numerose hanno avuto luogo nelle Residenze Sonnefeld e Maarhof. Prima di lasciare la Germania, Mons. Alvaro del Portillo è stato a Haus Hartdberg, un Centro per convegni vicino a Colonia, dove si stava svolgendo un corso di formazione per membri della Prelatura, e si è fermato anche a Münster e a Bonn.

Poi è stata la volta della Svizzera. Dopo aver pregato a Einsiedeln, il Prelato si è incontrato con gruppi di fedeli della Prelatura a Friburgo. Prima della partenza ha anche potuto recarsi a Frauental, per una visita alla Madonna che si venera nella chiesa di un convento di religiose cistercensi, Cooperatrici dell'Opus Dei.

Prima del rientro a Roma, Mons. Alvaro del Portillo si è fermato per diversi giorni a Milano. Appena giunto, si è recato al Duomo, per lucrare l'indulgenza plenaria concessa in occasione del 600º anniversario della fondazione. Poi le adunanze con membri della Prelatura e Cooperatori nelle Residenze Torrescalla e Torriana. Riunioni più ristrette ha avuto nel Centro Altai, con un folto gruppo di collaboratrici domestiche e nel Centro di Porta Romana, dove è cominciato recentemente un Corso di Studi che ha lo scopo di fornire una approfondita formazione teologica e spirituale ai membri Soprannumerari residenti a Milano.

Infine, dopo aver presieduto riunioni di lavoro con i membri dei Consigli Regionali per l'Italia, Mons. Alvaro del Portillo è rientrato a Roma il 5 settembre.

Già inoltrato il mese di novembre, il Prelato dell'Opus Dei ha intrapreso un nuovo viaggio, alla volta della Penisola Iberica. E' arrivato a Madrid il giorno 22, accompagnato —come nelle altre occasioni— da Mons. Javier Echevarría, Vicario Generale, e da Mons. Joaquín Alonso.

Mons. Alvaro del Portillo si è trattenuto per una settimana a Molinoviejo, un Centro per convegni e ritiri spirituali vicino a Segovia, e ha presieduto due convegni simultanei cui hanno preso parte componenti dei Consigli Regionali e dei Consigli di Delegazione di tutta la Spagna. Al termine ha avuto numerosi incontri con fedeli della Prelatura residenti a Madrid. Cornice di queste adunanze è stato Tajamar, un Centro di Formazione Professionale sito in un quartiere popolare della capitale.

In Portogallo, dove era atteso dopo il viaggio in Spagna, il Prelato si è inginocchiato ai piedi della Madonna nel Santuario di Fatima, dove è stato accolto da Mons. Alberto Cosme do Amaral, Vescovo di Leiria-Fatima, il quale ha presenziato anche all'incontro di Mons. Alvaro del Portillo con un gruppo di sacerdoti di diverse diocesi, soci e Cooperatori della Società Sacerdotale della Santa Croce. Nei giorni seguenti, a Lisbona, vi sono stati altri incontri del Prelato con numerosi fedeli dell'Opus Dei, presso il Centro Lumiar, dove ha compiuto anche la dedicazione liturgica degli altari dell'oratorio del Centro di Studi di Lisbona.

Il 10 dicembre, Mons. Alvaro del Portillo è rientrato a Roma.

Romana, Nº 3, Luglio-Dicembre 1986, p. 251-253.