envelope-oenvelopebookscartsearchmenu

PER LA FORMAZIONE PERMANENTE DEL CLERO

La Società Sacerdotale della Santa Croce, associazione propria e inseparabile della Prelatura Opus Dei, offre ai suoi soci e a tutti i sacerdoti diocesani che lo desiderano una formazione umana, dottrinale e spirituale che li metta in condizione di svolgere più efficacemente il loro ministero.

La maggior parte di questo aiuto passa inosservato. Per fare compagnia a un sacerdote malato o solo, per recargli il conforto spirituale di cui ha bisogno per continuare il suo ministero, a volte estenuante, si intraprendono lunghe marce sul massiccio andino o sulle strade africane, o si affronta il tramestio della grande metropoli. E' un'opera che si traduce in un servizio direttissimo alle Chiese locali e che si nota nei suoi frutti di maggior zelo per le anime, migliore preparazione pastorale, più salda unione con il proprio Ordinario.

A volte, per iniziativa dei Vescovi o di gruppi di sacerdoti, l'apostolato della Società Sacerdotale della Santa Croce si concreta in corsi, riunioni, seminari di aggiornamento...

Rievangelizzare l'Europa

Uno dei temi più frequentemente trattati, in sintonia con la preoccupazione manifestata dal Santo Padre, è la rievangelizzazione del Vecchio Continente. Dal 20 al 24 ottobre, sacerdoti di varie diocesi dell'Irlanda hanno partecipato ad un convegno svoltosi presso il Lismullin Conference Centre, vicino a Dublino, nel quale si è trattato anche dell'apostolato dei laici, in vista della prossima Assemblea ordinaria del Sinodo dei Vescovi.
Tra i vari interventi, va segnalato quello di Mons. Michael Smith, Vescovo Ausiliare di Meath e Segretario della Conferenza Episcopale Irlandese, su "La nuova evangelizzazione dell'Europa in un periodo di materialismo e secolarizzazione". Fr. Brendan Purcell, Professore di Psicologia presso l'University College di Dublino, ha riaffermato la necessità di fondare la morale su una corretta antropologia; i più recenti insegnamenti del Magistero in materia di matrimonio e famiglia sono stati esposti da Fr. Anthony Griffin, membro del Consiglio Pastorale della diocesi di Kerry; mentre la Prof.ssa Mary Mcaleese, ordinario presso la Facoltà di Giurisprudenza del Trinity College di Dublino, ha offerto una trattazione del diritto di famiglia, inquadrandolo nell'ordinamento costituzionale irlandese.

Anche da parte del Teologisches Forum Peterskirche —istituzione della chiesa di St. Peter di Vienna, destinata a promuovere attività di carattere scientifico e pastorale rivolte al clero diocesano— è stato organizzato nei giorni 19 e 20 maggio scorsi un incontro su "La nuova evangelizzazione dell'Europa". L'attività, ospitata dal Centro per convegni e ritiri di Hohewand, è stata aperta dal Vicario Regionale dell'Opus Dei per l'Austria, Rev.mo Dott. Klaus Küng, con una conferenza dal titolo "L'appello del Papa". Sono poi state discusse possibili iniziative pastorali: miglioramenti nella catechesi, rivalutazione del Sacramento della Penitenza, pastorale del matrimonio e della famiglia, ecc. I sacerdoti partecipanti provenivano in gran parte dalle diocesi di Vienna, Einsenstadt e Linz. Nel programma erano anche previste attività di formazione spirituale.

Organizzate dal Centro de Encuentros Sacerdotales di Santiago de Compostela, si sono svolte a Olbeira, Centro per convegni e ritiri spirituali nei pressi di Vigo, le "VII Giornate di Questioni d'Attualità", aventi come tema la rievangelizzazione dell'Europa. Il Prof. Luis Suárez Fernández, ordinario di Storia Medievale presso l'Università Autonoma di Madrid, ha affrontato il tema "Le origini cristiane dell'Europa", analizzando la relazione tra modelli sociali e spirito cristiano. Il Prof. José Morales, della Facoltà di Teologia dell'Università di Navarra, nella sua conferenza "Correnti contemporanee di pensiero ed evangelizzazione", ha tracciato il quadro culturale e religioso dell'Europa di oggi, che attende di nuovo la luce di Cristo. Ha concluso i lavori delle Giornate Mons. Antonio Rouco Varela, Arcivescovo di Santiago, che ha evidenziato l'interesse di Giovanni Paolo II per questo impegno di rievangelizzazione.

Per la pastorale della famiglia

L'Ateneo Sacerdotal di Guadalajara, in Messico, in collaborazione con l'Instituto de Educación Familiar, ha organizzato un "Corso di Orientamento Familiare" rivolto a sacerdoti diocesani.
Il corso, che si svolge da ottobre a dicembre, prevede sessioni settimanali. Proponendo lo studio di casi concreti, si analizzano temi importanti della vita familiare: l'unità e l'autonomia nel matrimonio, l'educazione della libertà, la relazione dei genitori con il centro educativo...

Obiettivo degli incontri è offrire ai sacerdoti che vi partecipano —una ventina per sessione— una visione della famiglia dall'interno, che li aiuti nel loro lavoro pastorale. Nello stesso tempo, si offre loro l'opportunità di organizzare corsi analoghi nelle loro parrocchie.

Corsi di aggiornamento teologico

L'estate scorsa si è tenuto nell'Università di Navarra il "XV Corso di Aggiornamento Teologico", sul tema "Il Sacramento della Confermazione". Hanno partecipato più di cento sacerdoti e docenti. I professori della Facoltà di Teologia Augusto Sarmiento e José Morales hanno parlato rispettivamente della funzione di tale sacramento nella vita della Chiesa e del suo fondamento teologico. Il Prof. Oliveros F. Otero, della Facoltà di Pedagogia, ha trattato l'educazione nella fede. Il Prof. José Antonio Abad, della Facoltà Teologica di Burgos, ha illustrato la liturgia della Confermazione. Ha chiuso il corso il Decano della Facoltà di Teologia, Prof. José Luis Illanes.

Ad Arnold Hall, Centro di Convegni nei pressi di Boston, si è tenuta dal 20 al 24 ottobre una settimana di "Studi sui Sacramenti", organizzata dal New England Theological Forum. Hanno partecipato sacerdoti delle diocesi di Boston, Albany (New York), Bridgeport (Connecticut), Rockville Centre (New York), Worcester (Massachusetts), e dell'Ordinariato Militare.

Il programma prevedeva dodici conferenze. Mons. Lawrence J. Riley, S.T.D., Vescovo ausiliare di Boston, ha commentato alcuni punti dell'Esortazione Apostolica Reconciliatio et Paenitentia. Il Rev. Dott. Sal Ferigle, della Prelatura Opus Dei, ha trattato il tema della confessione dei bambini e della confessione frequente. Mons. James McHugh, dell'Arcidiocesi di Newark (New Jersey), ha chiosato la Familiaris consortio. Il Rev. Gerald L. Bucke, dell'Arcidiocesi di Boston, ha formulato consigli pratici per la direzione di coniugi e fidanzati, prendendo spunto dalla sua lunga esperienza in questo lavoro. Nell'ultima conferenza sono state studiate le varie lettere indirizzate dal Santo Padre ai sacerdoti.

Sempre ad Arnold Hall si è tenuto un seminario di una giornata sull'Esortazione Apostolica Familiaris consortio. L'incontro è stato poi ripetuto in sei parrocchie dell'Arcidiocesi di Boston, per facilitare la partecipazione di un numero maggiore di sacerdoti.

Verso il prossimo Sinodo dei Vescovi

I lineamenta per l'Assemblea del Sinodo dei Vescovi del 1987 sono oggetto di studio, a tutti i livelli, da parte del clero nigeriano. Iroto Conference Centre, Centro per convegni e ritiri recentemente inaugurato, ha organizzato un incontro sacerdotale con l'obiettivo di riflettere sulla figura del laico nella Chiesa e nel mondo, così come viene delineata dai documenti del Concilio Vaticano II.

Ha pronunciato una delle due conferenze Mons. John Onaiyekan, Vescovo di Ilorin. E' seguito un animato dibattito tra i presenti, sacerdoti delle diocesi di Lagos, Ijebu-Ode e Ibadan. Il Rev. Luis J. Muñoz, professore e cappellano dell'Università di Ibadan, è intervenuto sul tema della direzione spirituale dei laici.

"Essere cristiano nel mondo. A vent'anni dal Concilio", è stato il tema del XVII Incontro dell'Internationaler Priesterkreis, che si è tenuto a Colonia nei giorni 2-4 settembre e ad Augsburg nei giorni 8-10 settembre.

Mons. Paul Cordes, Vicepresidente del Pontificio Consiglio per i Laici, ha esposto le diverse prospettive dell'apostolato dei laici, precisando i termini in cui il Concilio Vaticano II prevede la loro partecipazione a compiti interni alla comunità ecclesiale. Il Prof. Kurt Kreen, ordinario di Propedeutica teologica nell'Università di Ratisbona, ha insistito sulla missione di servizio del sacerdote. Il Rev. José Luis Gutiérrez, professore del Centro Accademico Romano della Santa Croce, ha illustrato la complementarietà del sacerdozio ministeriale e del sacerdozio comune dei fedeli. Il giornalista Jurgen Liminski, redattore-capo della sezione estera del quotidiano Die Welt, ha sottolineato che l'ora dei laici suona sempre nella Chiesa quand'essi realizzano il loro lavoro con competenza professionale, con perfezione umana, spinti dalla forza dell'ideale cristiano.
Il Card. Höffner, Arcivescovo di Colonia e Presidente della Conferenza Episcopale Tedesca, ha assistito a una parte dell'incontro e ha sottolineato l'importanza del prossimo Sinodo dei Vescovi.

Organizzato dal Capitolo dei Canonici della Cattedrale di Madrid, in collaborazione con il Centro de Cultura Teológica e l'Ateneo de Teología —due Centri di formazione sacerdotale diretti da sacerdoti della Prelatura—, hanno avuto luogo nell'Aula Magna della Cassa di Risparmio e del Monte di Pietà di Madrid due cicli di conferenze, sul tema "Bilancio Sinodale del Postconcilio (Dal Sinodo Straordinario al Sinodo dei laici)".

Ha presentato il primo ciclo, che si è tenuto dal 19 al 22 maggio, il Presidente del Capitolo della Cattedrale e Professore del Seminario di Madrid, Rev. Salvador Muñoz Iglesias, che ha evidenziato l'importanza del Sinodo Straordinario per il futuro della Chiesa. Il Nunzio Apostolico in Spagna, Mons. Mario Tagliaferri, ha pronunciato alcune parole di saluto. Tra i relatori di questo ciclo, vi sono stati due dei teologi periti del Sinodo Straordinario: l'argentino Raúl Lanzetti, professore del Centro Accademico Romano della Santa Croce, e lo spagnolo Cándido Pozo, S.J., professore della Facoltà di Teologia di Granada. Altri relatori sono stati Mons. Francisco Gil Hellín, Sottosegretario del Pontificio Consiglio per la Famiglia, i Proff. Angelo Scola, del Pontificio Istituto Giovanni Paolo II, di Roma; José Luis Illanes, Decano della Facoltà di Teologia dell'Università di Navarra; Ricardo Blázquez, della Facoltà di Teologia della Pontificia Università di Salamanca; Pedro Rodríguez, della Facoltà di Teologia dell'Università di Navarra.
L'Arcivescovo di Madrid, Card. Angel Suquía, che presiedeva insieme con il Vicario Regionale dell'Opus Dei in Spagna, Mons. Tomás Gutiérrez, ha chiuso il primo ciclo di conferenze.

La seconda parte si è svolta nei giorni 20-22 ottobre. In quei giorni sono stati oggetto di studio la missione dei laici nella Chiesa e nel mondo, e il secolarismo, principale ostacolo a tale missione. Sono intervenuti Mons. Julián Herranz, Segretario della Pontificia Commissione per l'interpretazione autentica del Codice di Diritto Canonico; Mons. José Delicado Baeza, Arcivescovo di Valladolid e Vicepresidente della Conferenza Episcopale Spagnola; il Prof. Francisco Lucas Mateo-Seco, Vicedecano della Facoltà di Teologia dell'Università di Navarra.

Il secondo ciclo si è chiuso con gli interventi del Card. Jean-Marie Lustiger, Arcivescovo di Parigi, e del professore emerito dell'Università di Strasburgo Jean-Marie Aubert. Presiedevano, con il Card. Lustiger, il Card. Suquía, che ha indirizzato alcune parole ai sacerdoti e seminaristi presenti, e il Vicario Regionale dell'Opus Dei in Spagna.

Corsi di aggiornamento in Diritto Canonico

Nei giorni 18-22 agosto, invitato da Mons. Marco René Revelo, Vescovo di Santa Ana e Presidente della Conferenza Episcopale del Salvador, il Rev. Prof. Joaquín Llobell, del Centro Accademico Romano della Santa Croce, ha svolto in questa diocesi centro-americana un corso su "Questioni sul Matrimonio nel nuovo Codice di Diritto Canonico e nel Magistero di Giovanni Paolo II". Hanno partecipato al corso lo stesso Mons. Revelo; Mons. Fernando Sáenz, Vescovo Ausiliare; Mons. José López Sandoval, Vicario Generale; e quasi tutto il clero della diocesi.

Nei giorni 25-26 agosto, nel Centro di Convegni Claraluna, di San Salvador, il Prof. LLobell ha proposto una sintesi del corso precedente, per sacerdoti dell'Arcidiocesi di San Salvador e delle diocesi di San Miguel e San Esteban.

Invitato dal Vescovo di Sololá, nel Guatela, Mons. Eduardo Fuentes, egli si è recato in quest'ultima città, dove ha tenuto un corso su temi concernenti il Matrimonio. Alle lezioni, presiedute da Mons. Fuentes, hanno partecipato una trentina di sacerdoti della diocesi.

Nell'Università di Navarra si è tenuto, nei giorni 8 settembre-10 ottobre, l'Undicesimo Corso di Aggiornamento in Diritto Canonico. Il tema proposto è stato: "Cause di nullità del Matrimonio e questioni di Diritto ecclesiastico dello Stato".

Il corso, cui hanno partecipato circa 150 sacerdoti, si è articolato in tre settimane di lavoro. La prima, dedicata alle cause matrimoniali, ha visto l'intervento di Mons. Francisco Gil Hellín, Sottosegretario del Pontificio Consiglio per la Famiglia, che ha parlato della dottrina matrimoniale del Concilio Vaticano II e della sua formulazione nel Codice di Diritto Canonico. I temi del corso sono stati svolti da professori della Facoltà di Diritto Canonico e da altri specialisti appositamente invitati, tra i quali Mons. Juan José García Faldés, Decano della Rota Spagnola; Mons. Feliciano Gil de las Heras, Prelato-Uditore del medesimo Tribunale, e i Vicari Giudiziali di diverse arcidiocesi.

Nella seconda settimana si sono affrontate alcune questioni di Diritto ecclesiastico dello Stato, quali l'insegnamento della religione nelle scuole, l'assistenza spirituale alle Forze armate, il sistema concordatario, il diritto ecclesiastico e le Comunità Autonome, la clausola di salvaguardia dell'identità delle istituzioni della Chiesa, la tutela del sentimento religioso nei mass-media, la previdenza sociale del clero, ecc. Con i professori della Facoltà di Diritto Canonico dell'Università di Navarra, hanno dettato le conferenze professori provenienti dall'Università Complutense di Madrid, dal Centro Accademico Romano della Santa Croce, e dalle Università di Santiago, Saragozza e La Laguna.
La settimana conclusiva è stata dedicata all'aggiornamento nelle tecniche di ricerca canonistica.

Dottrina sociale della Chiesa

Sotto gli auspici del Card. Jaime L. Sin, Arcivescovo di Manila, il Theological Centrum ha organizzato un corso di Dottrina sociale della Chiesa per sacerdoti diocesani. Il corso è stato inaugurato dal Nunzio Apostolico nelle Filippine, Mons. Bruno Torpigliani, e concluso dal Card. Sin. Hanno tenuto le lezioni professori del CRC (Center for Research and Communication) che, dopo aver analizzato la situazione socio-economica del Paese, hanno orientato i partecipanti a determinare modi pratici per l'applicazione dei principi dottrinali.

Per soddisfare richieste analoghe pervenute da altre località, il Theological Centrum ha dovuto formare un'équipe di conferenzieri che si sono spostati nelle diocesi di Lipá, San Fernando e San Pablo per offrire il medesimo Corso di Dottrina sociale della Chiesa ai sacerdoti e seminaristi del luogo.

Jaltepec è un Centro per convegni e ritiri spirituali che si innalza sulle rive della Laguna di Chapala, nel Messico. Ivi sono convenuti seminaristi di Guadalajara, Culiacán e Monterrey, che hanno preso parte a un corso sulla teologia della liberazione. Tra i conferenzieri erano il Rev.mo Dott. Francisco Ugarte, Vicario delegato dell'Opus Dei; il Rev. J. Guadalupe Marín, Segretario dell'Arcivescovato e il Rev. Dott. Rafael Arce.

In Mimihauapam, un Centro con analoghe finalità vicino a Città del Messico, con la visita di Mons. Luis Munive, Vescovo di Tlaxcala, si è svolto un Convegno di studio su "Libertà cristiana e teologie della liberazione", sotto la guida dei Revv. Dott. Pedro de la Garza e Rubén Rodríguez. Hanno partecipato sacerdoti e seminaristi di diverse diocesi messicane e statunitensi. In seguito a questo incontro si sono organizzati corsi di formazione nei Seminari di Puebla e di Tlaxcala, affidati a sacerdoti della Prelatura.

Romana, Nº 3, Luglio-Dicembre 1986, p. 315-321.