envelope-oenvelopebookscartsearchmenu

Convegni di studio nella sede della Curia prelatizia

Sotto la presidenza del Prelato dell’Opus Dei, dal 4 al 15 ottobre si è svolto presso la Curia Prelatizia un convegno dei membri dei Consigli Regionali della Prelatura che si occupano più direttamente degli aspetti relativi alle risorse necessarie per il sostentamento e lo sviluppo delle attività apostoliche.
Oltre a valutare il momento attuale delle iniziative avviate nelle diverse parti del mondo, i partecipanti hanno studiato come far fronte alle necessità materiali connesse con il raggiungimento degli obiettivi apostolici e pastorali della Prelatura nei prossimi anni, con l’aiuto insostituibile e generoso di tanti Cooperatori, anche non cattolici e non cristiani. Si presterà particolare attenzione alle iniziative con i giovani, ai programmi di promozione sociale —specialmente nelle aree più emarginate— e alle attività rivolte al mondo della cultura.
Dal 26 al 30 ottobre si sono riuniti a Roma alcuni fedeli della Prelatura impegnati professionalmente nel mondo accademico e informativo in diversi Paesi europei. Scopo del convegno è stato quello di scambiare esperienze e riflettere sul dialogo tra fede e cultura nelle attuali società pluralistiche dell’Europa.
Oltre alle riunioni per gruppi linguistici, alcuni dei partecipanti hanno analizzato nelle sessioni generali i principali eventi teologici, filosofici e culturali della vita della Chiesa nel decennio 1985-1995, allo scopo di trarre orientamenti per meglio collaborare all’azione evangelizzatrice.
Nel presiedere alcune delle riunioni plenarie, il Prelato dell’Opus Dei ha stimolato i partecipanti ad assecondare le esortazioni rivolte dal Papa ai cattolici sulla nuova evangelizzazione. In particolare ha analizzato i contenuti del discorso del Santo Padre al simposio dei Vescovi europei (11-X-1985), di cui ricorre il decimo anniversario, e ha glossato ampiamente la lettera pastorale sulla nuova evangelizzazione scritta da Mons. Alvaro del Portillo nel dicembre 1985 e indirizzata a tutti i fedeli della Prelatura.
Dal 1º all’11 dicembre si sono svolte nella sede della Curia prelatizia delle giornate di lavoro cui hanno partecipato, sotto la direzione del Prelato e dei suoi Vicari, membri dell’Assessorato Centrale e rappresentanti degli Assessorati Regionali, allo scopo di analizzare l’andamento degli apostolati della Prelatura specificamente rivolti alle donne e promuoverne la più larga diffusione.
Le sessioni si sono articolate per aree geografiche omogenee. Il gruppo di lavoro proveniente dall’Africa ha approfondito alcuni aspetti relativi all’inculturazione della fede nei rispettivi Paesi. Le rappresentanti dell’America Latina hanno offerto dei suggerimenti per ottenere una sempre maggiore incidenza dei progetti apostolici destinati alla formazione delle donne, che i membri della Prelatura e i Cooperatori stanno sviluppando in quell’area. Infine, le rappresentanti dell’Europa, dell’America del Nord, dell’Asia e dell’Australia hanno analizzato le caratteristiche specifiche dei Paesi di cui provengono, studiando i modi più efficaci per impregnare dello spirito cristiano le strutture sociali.
Le partecipanti si sono trovate d’accordo sulla necessità di potenziare i progetti apostolici nella dimensione del servizio alla persona e alla società. In particolare, hanno concluso, è indispensabile che sia sempre presente una corretta comprensione dello sviluppo, inteso non solo in termini economici o di salute, ma soprattutto come un processo mirante ad elevare la condizione della persona mediante l’arricchimento culturale e la formazione professionale specifica, dalla quale non può né dev’essere disgiunta la formazione spirituale.

Romana, Nº 21, Luglio-Dicembre 1995, p. 404-406.