envelope-oenvelopebookscartsearchmenu

Viaggi pastorali

Proseguendo i suoi viaggi pastorali nei Paesi europei, Mons. Alvaro del Portillo si è recato nel mese di gennaio in Austria e in Svezia.

Egli è arrivato a Stoccolma, città dove hanno sede la Commissione e l'Assessorato Regionale dell'Opus Dei per l'Europa Settentrionale, il pomeriggio del giorno 18 e vi si è trattenuto fino al 20. Il giorno stesso del suo arrivo ha reso visita al Vescovo, Mons. Hubertus Brandenburg, che ha espresso al Prelato la sua gratitudine per le attività apostoliche svolte dai membri dell'Opus Dei nella sua diocesi e per la collaborazione dei sacerdoti della Prelatura alla cura pastorale della cattedrale di Stoccolma.

Durante il suo soggiorno in Svezia, Mons. Alvaro del Portillo si è riunito con membri, Cooperatori e amici dell'Opus Dei nei Centri Åbrink e Norrholm. Rispondendo alle domande dei presenti, il Prelato dell'Opus Dei si è soffermato in modo particolare sull'urgenza di svolgere un intenso apostolato della dottrina in tutti gli ambienti.

Il 20 gennaio, prima di lasciare la Penisola Scandinava, Mons. Alvaro del Portillo ha voluto pregare la Madonna nella Vårfrus Kyrka, una chiesa inaugurata di recente in una zona residenziale a nord della città, affidando in particolare alla sua intercessione la Chiesa e l'apostolato dell'Opus Dei nei Paesi Scandinavi.

In Austria il Prelato dell'Opus Dei ha fatto sosta durante il suo viaggio in Svezia, e si è fermato poi per tre giorni al rientro dalla Scandinavia.

Anche a Vienna ha avuto riunioni con i fedeli della Prelatura, e li ha incoraggiati ad aver cura soprattutto della propria vita spirituale affinchè possano svolgere un'apostolato incisivo ed esteso nel cuore della vecchia Europa. Si è intrattenuto anche con Cooperatori e altre persone che frequentano i Centri dell'Opus Dei. Quest'ultima riunione ha avuto luogo nella cripta di St. Peter, chiesa affidata ai sacerdoti della Prelatura. Per più d'un ora Mons. Alvaro del Portillo ha risposto a tutte le domande che gli sono state rivolte sugli argomenti più svariati —dai problemi della pace alle difficoltà nel seno delle famiglie—, sempre da un punto di vista sacerdotale e cristiano.

Come in Svezia, anche in Austria il Prelato ha pregato ai piedi della Madonna al Kahlenberg, a Klein Maria Zell e nella cattedrale di Santo Stefano.

Prima di rientrare a Roma, Mons. Alvaro del Portillo si è recato in diversi Centri della Prelatura, tra i quali la Tagunshaus Hohewand, una casa per ritiri spirituali e attività formative a metà strada tra Vienna e Graz.

Romana, Nº 2, Gennaio-Giugno 1986, pag. 78.