envelope-oenvelopebookscartsearchmenu

Breve pontificio di beatificazione

LITTERÆ APOSTOLICÆ

Venerabili Servo Dei Iosephmariæ Escrivá de Balaguer, Sacerdoti, Fundatori Societatis Sacerdotalis Sanctæ Crucis et Operis Dei, Beatorum honores decernuntur.

IOANNES PAULUS PP. II

Ad perpetuam rei memoriam. Munere perfungens instaurandi Christi regnum in omnibus gentibus (cf. Lumen Gentium, 5), Ecclesia est «universale salutis sacramentum, mysterium amoris Dei erga hominem manifestans simul et operans» (Gaudium et Spes, 45).
Venerabilis Iosephmariæ Escrivá nuntium mira congruentia exprimit universalis mysterii salvifici momentum: «Omnes vocantur ad sanctitatem; Dominus a singulis postulat amorem: ab iuvenibus et senibus, a cælibibus et matrimonio iunctis, a sanis et ægrotis, a doctis et indoctis, ubique laborem exercentibus, ubique versantibus» (Amigos de Dios, 294). Proclamans indolem omnino radicalem baptismalis vocationis, nova aperuit ille itinera quo melius christianam fidem in societatem insereret: commonuit enim vocationem universalem ad plenam cum Christo communionem inducere etiam in omne opus humanum facultatem Deo occurrendi.
Labor, igitur, momentum peculiare habet in œconomia quæ ad sanctificationem et apostolatum pertinet. Conexio specialis inter dynamismum tum actionis humanæ tum gratiæ divinæ, dum patefacit primas partes tribuendas vitæ coniunctionis supernaturalis cum Christo, efficit etiam, ut fideles fortius conentur in christianam animationem rerum temporalium incumbere. Venerabilis Iosephmaria Escrivá fidei totam ostendit redemptricem vim tum quoad singulos, tum quoad sociales structuras, in quibus homines suam vivendi formam suasque appetitiones mente concipiunt.
Fundator Operis Dei fere innumeras virtutes apostolicas animadvertit, per studium sanctificandi laborem cotidianasque actiones a communi christifidelium vita exprimendas. Hinc ipse instanter necessitatem urget in concordem vitæ unitatem redigendi precationem, laborem et apostolicam navitatem: «Est unica vita, constans ex carne et spiritu, atque ea est, quæ oportet —quoad animam et corpus— sancta sit et Deo repleta (...). Nostra ætate, opus est restituere rebus et adiunctis, quæ communiora videntur, primigeniam eorum significationem eademque in servitium Regni Dei adhibere» (Conversaciones, 114).
Venerabilis Iosephmaria Escrivá, Barbastri in Hispania natus die 9 mensis Ianuarii anno 1902, ordinationem sacerdotalem suscepit die 28 mensis Martii, anno 1925, et die 2 mensis Octobris, anno 1928, condidit Matriti Opus Dei; die 14 mensis februarii, anno 1930, intellexit suam extendendam esse apostolicam navitatem etiam ad mulieres. Fideliter muneri obsecundans, sacerdotes atque laicos, viros ac mulieres cuiusvis condicionis adduxit ut invenirent in cotidianis muneribus perficiendis suam erga Ecclesiæ missionem, plene servata Deo deditione in ordinariis vitæ sæcularis adiunctis. «Aperta sunt divina itinera in orbe terrarum!» exclamabat (Es Cristo que pasa, 21): non solum fructus pastorales descripsit, quos peculiare huiusmodi evangelizationis studium portendebat, sed etiam hoc opus perfecit, utpote ad stabilem et ordinatam Ecclesiæ naturam pertinens.
Post laboriosam vitam huic strenuo servitio ecclesiali integre deditam, intus signato per mysterium Crucis, quod coniunctissime vixit cum Beata Virgine Maria, Venerabilis Servus Dei animam Domino reddidit die 26 mensis Iunii anno 1975, in urbe Roma. Vitæ spiritualis magister, valuit contemplationem adipisci precatione continua, iugi sui castigatione, adsidua operis perfunctione, singulari docilitate erga Spiritus Sancti incitationes, dummodo posset «servire Ecclesiæ, quemadmodum Ecclesia vult sibi serviatur».
Conspicua sanctitatis fama, quam vivens consecutus est, mirum in modum post mortem est confirmata. Anno 1981, Hugo Cardinalis Poletti, Vicarius Generalis urbis Romæ, causam incepit Canonizationis Servi Dei. Postquam duo Processus Cognitionales super vita et virtutibus, alter Romæ alter Matriti, celebrati sunt, disceptatum est super heroicitate virtutum. Decretum denique de hac re editum est die 9 mensis Aprilis anno 1990.
Inter plura miracula deprecationi Servi Dei attributa, delecta est religiosæ sodalis mira sanatio, quæ accidit anno 1976, et super qua, anno 1982, Processus Cognitionalis instructus est. Quæ sanatio est ex more consulta, et die 6 mensis Iulii anno 1991 decretum super miro est promulgatum.
Tandem statuimus ut ritus beatificationis die 17 mensis Maii anno 1992 celebraretur.
Hodie, igitur, Romæ in area Petriana, inter sacra sollemnia, hanc formulam sumus elocuti:

Nos, vota Fratrum Nostrorum Camilli Ruini, Vicarii Nostri in Urbe, et Petri Iacobi Nonis, Episcopi Vicentinensis, necnon plurimorum aliorum Fratrum in Episcopatu, multorumque christifidelium explentes, de Congregationis pro Causis Sanctorum consulto, Auctoritate Nostra Apostolica facultatem facimus, ut Venerabiles Servi Dei Iosephmaria Escrivá de Balaguer, presbyter, Conditor Operis Dei, et Iosepha Bakhita, virgo, Filia Caritatis, Canossiana, Beatorum nomine in posterum appellentur, eorumque festum die ipsorum natali: Iosephmariæ Escrivá de Balaguer die vicesima sexta Iunii, Iosephæ Bakhita die octava Februarii, in locis et modis iure statutis, quotannis celebrari possit.
In nomine Patris et Filii et Spiritus Sancti.

Quæ autem per has Litteras decrevimus, ea firma et nunc et in posterum esse volumus, contrariis quibuslibet non obstantibus.
Datum Romæ, apud S. Petrum sub anulo Piscatoris die XVII mensis Maii, anno MCMXCII, Pontificatus Nostri quarto decimo.

Angelus card. Sodano
Secretarius Status

Loco + Sigilli
In Secret. Status tab., n. 304.722

o o o

Ed ecco una nostra traduzione italiana del Breve:

LETTERA APOSTOLICA

Beatificazione del Venerabile Servo di Dio Josemaría Escrivá de Balaguer, Sacerdote, Fondatore dell'Opus Dei.
GIOVANNI PAOLO PP. II

In perpetua memoria. — Inviata ad instaurare in tutte le genti il regno di Cristo (Cf. Conc. Vat. II, Cost. dogm. Lumen gentium, n. 5), la Chiesa è «l'universale sacramento della salvezza, che svela e insieme realizza il mistero dell'amore di Dio verso l'uomo» (Conc. Vat. II, Cost. past. Gaudium et spes, n. 45).
Il messaggio del Venerabile Josemaría Escrivá rispecchia, con mirabile congruenza, l'universale portata del mistero salvifico: «Tutti sono chiamati alla santità, il Signore chiede amore a ciascuno: giovani e anziani, celibi e sposati, sani e malati, dotti e ignoranti, dovunque lavorino, dovunque si trovino» (Amici di Dio, n. 294). Proclamando la radicalità della vocazione battesimale, egli ha aperto nuovi orizzonti per una più profonda cristianizzazione della società. Il Fondatore dell'Opus Dei ha ricordato, infatti, che l'universalità della chiamata alla pienezza dell'unione con Cristo comporta anche che ogni attività umana divenga luogo di incontro con Dio.
Il lavoro acquista così un ruolo centrale nell'economia della santificazione e dell'apostolato cristiano. Il rivelarsi della connessione fra il dinamismo naturale dell'operare umano e quello della grazia, mentre afferma il primato della vita soprannaturale di unione con Cristo, traduce quest'ultima in un incisivo sforzo di animazione cristiana del mondo da parte di tutti i fedeli. In tale contesto, il Venerabile Josemaría Escrivá ha mostrato tutta la potenza redentiva della fede, la sua energia trasfigurante così delle singole persone come delle strutture in cui si plasmano gli ideali e le aspirazioni degli uomini.
Il Fondatore dell'Opus Dei colse con nitidezza le sconfinate virtualità apostoliche che l'impegno a santificare il lavoro e l'insieme delle attività ordinarie sprigiona nella vita del comune fedele. Di qui la sua insistenza sulla necessità di fondere in armonica unità di vita la preghiera, il lavoro e l'apostolato: «Vi è una sola vita, fatta di carne e di spirito, ed è questa che dev'essere —nell'anima e nel corpo— santa e piena di Dio (...). La nostra epoca ha bisogno di restituire alla materia e alle situazioni che sembrano più comuni il loro nobile senso originario, metterle al servizio del Regno di Dio» (Colloqui, n. 114).
Il Venerabile Josemaría Escrivá, nato a Barbastro (Spagna) il 9 gennaio 1902, venne ordinato sacerdote il 28 marzo 1925 e il 2 ottobre 1928 fondò a Madrid l'Opus Dei; il 14 febbraio 1930 comprese che doveva estendere anche alle donne il proprio apostolato. Nel fedele compimento di tale missione, portò sacerdoti e laici, uomini e donne di ogni condizione, a trovare nelle occupazioni quotidiane l'ambito della propria corresponsabilità nella missione della Chiesa, in pienezza di dedizione a Dio nelle circostanze ordinarie della vita secolare. «Si sono aperti i cammini divini della terra!», esclamava (E' Gesù che passa, n. 21): egli non si limitò, infatti, a descrivere le prospettive pastorali che questo capillare impegno di evangelizzazione dischiudeva, ma lo configurò anche come realtà appartenente alla natura stabile e organica della Chiesa.
Dopo un'intensa esistenza interamente spesa nell'eroico adempimento di tale servizio ecclesiale, segnato dalla profonda esperienza del mistero della Croce, vissuto sempre in stretta unione con la Beata Vergine Maria, il Venerabile Servo di Dio rese la propria anima al Signore il 26 giugno 1975, a Roma. Fu autentico maestro di vita cristiana e seppe raggiungere i vertici della contemplazione con l'orazione continua, la mortificazione ininterrotta, lo sforzo quotidiano di un lavoro compiuto con esemplare docilità alle mozioni dello Spirito Santo pur di «servire la Chiesa come la Chiesa vuole essere servita».
La cospicua fama di santità, che già lo aveva circondato in vita, si consolidò con straordinario vigore dopo la morte. Nel 1981 il Vicario Generale della diocesi di Roma, Card. Ugo Poletti, dette inizio alla Causa di Canonizzazione del Servo di Dio. Dopo la celebrazione di due Processi Cognizionali sulla vita e le virtù, uno a Roma e l'altro a Madrid, si procedette alla discussione sull'eroicità delle virtù. Il relativo decreto venne emanato il 9 aprile 1990.
Fra i numerosi prodigi attribuiti al Servo di Dio, fu scelta la guarigione miracolosa di una religiosa, avvenuta nel 1976 e sulla quale era stato istruito un Processo Cognizionale nel 1982. Sottoposto il caso ai consueti esami, il 6 luglio 1991 venne promulgato il decreto super miro.
Giungemmo così a stabilire che il rito della Beatificazione avesse luogo il 17 maggio 1992.
Oggi, dunque, a Roma, sul sagrato della Basilica di San Pietro, nel corso della solenne celebrazione liturgica, abbiamo pronunciato la seguente formula:
Noi, accogliendo il desiderio dei nostri fratelli Camillo Ruini, nostro Vicario per la città di Roma, e Pietro Giacomo Nonis, Vescovo di Vicenza, di molti altri Fratelli nell'Episcopato e di molti fedeli, dopo aver avuto il parere della Congregazione delle Cause dei Santi, concediamo, con la nostra Autorità Apostolica, che i Venerabili Servi di Dio Josemaría Escrivá de Balaguer, presbitero, Fondatore dell'Opus Dei, e Giuseppina Bakhita, vergine, figlia della Carità, Canossiana, d'ora in poi possano essere chiamati Beati, e che si possa celebrare la loro festa, nei luoghi e secondo le regole stabilite dal diritto, ogni anno, nel giorno della loro nascita al cielo: il 26 giugno per Josemaría Escrivá de Balaguer, e l'8 febbraio per Giuseppina Bakhita.
Nel nome del Padre, e del Figlio, e dello Spirito Santo.

Tutto ciò che è stabilito con la presente lettera vogliamo che sia stabile ora e nel futuro, nonostante qualunque cosa in contrario.
Dato a Roma, presso San Pietro, e sigillato con l'anello del Pescatore, il 17 maggio 1992, anno decimo quarto del mio Pontificato.

Angelo card. Sodano
Segretario di Stato

L.S, Archivio della Segr. di Stato, n. 304.722

Romana, Nº 14, Gennaio-Giugno 1992, p. 11-15.