envelope-oenvelopebookscartsearchmenu

Ordinazione episcopale del Prelato dell'Opus Dei

Nominato il 7 dicembre dello scorso anno Vescovo titolare di Vita, con la Bolla pontificia che riportiamo in altra parte del Bollettino, il 6 gennaio 1991, Solennità dell'Epifania di Nostro Signore, il Prelato dell'Opus Dei, Mons. Alvaro del Portillo, ha ricevuto l'ordinazione episcopale da Sua Santità Giovanni Paolo II insieme con altri dodici nuovi Vescovi.
Nell'omelia il Santo Padre ha sottolineato la rispondenza della cerimonia con il significato dell'Epifania. Attraverso il ministero dei nuovi Vescovi, provenienti da diverse parti del mondo, in qualche modo infatti proseguirà sulla terra la manifestazione di Gesù a tutti i popoli: «Venendo da diversi Paesi voi portate alla Chiesa universale i doni delle ricchezze spirituali e culturali che sono proprie delle vostre tradizioni locali; come gli apostoli, che si sparsero nel mondo, anche voi portate a tutte le genti i tesori della fede e della verità del Vangelo».
Insieme con il Papa, hanno officiato la sacra ordinazione gli Arcivescovi Mons. Re, Sostituto della Segreteria di Stato, e Mons. Rigali, Segretario della Congregazione dei Vescovi, mentre il Card. Bernardin Gantin, Prefetto della Congregazione per i Vescovi, ha presentato al Papa i candidati, secondo le norme liturgiche, chiedendo pubblicamente la loro ordinazione. Al rito dell'imposizione delle mani e alla parte essenziale della formula consacratoria sono intervenuti trentadue Cardinali e oltre duecento tra Arcivescovi e Vescovi.
Uniti alla persona del Prelato e raccolti in preghiera di supplica e di ringraziamento, hanno partecipato alla solenne cerimonia migliaia di membri della Prelatura, sacerdoti e laici, provenienti dai cinque continenti, in rappresentanza delle circoscrizioni in cui l'Opus Dei svolge il proprio apostolato.
Prima della benedizione conclusiva del Santo Padre, i tredici nuovi Vescovi hanno percorso la navata centrale della Basilica benedicendo i presenti. Al termine il Santo Padre ha salutato i presuli nella cappella della Pietà, augurando loro ogni bene al servizio della Chiesa.
Conclusa la Messa e dopo l'Angelus del Papa in piazza San Pietro, Mons. Alvaro del Portillo ha ricevuto presso l'Auditorio di Santa Cecilia, in via della Conciliazione, molti di coloro che avevano assistito all'ordinazione: autorità ecclesiastiche e civili, fedeli dell'Opus Dei convenuti a Roma per l'occasione e altri fedeli.
La mattina del 7 gennaio, Sua Santità Giovanni Paolo II, in una delle udienze private riservate ai nuovi Vescovi, ha ricevuto Mons. Alvaro del Portillo.
Lo stesso giorno 7 gennaio, alle ore 17.30, presso la Basilica di Sant'Eugenio a Valle Giulia, il Prelato ha concelebrato solennemente la Santa Messa con il Vicario Generale e gli altri Vicari della Prelatura convenuti a Roma per l'occasione, offrendo il Santo Sacrificio per le necessità della Chiesa secondo il rito della Messa votiva pro Sancta Ecclesia. La concelebrazione con i Vicari ha offerto un segno tangibile dell'unità di tutto l'Opus Dei con il suo Prelato.
Oltre alle numerose personalità civili ed ecclesiastiche, hanno assistito alla Santa Messa i componenti del Consiglio Generale e dell'Assessorato Centrale, migliaia di fedeli e Cooperatori dell'Opera e più di una decina di Vescovi, membri dell'Opus Dei, che esercitano il ministero episcopale a servizio di diverse diocesi del mondo o della Santa Sede, i quali hanno voluto in questo modo esprimere la propria piena adesione alla persona e alle intenzioni del Prelato.
Alla fine della cerimonia, S.E. Rev. Mons. Alvaro del Portillo ha percorso la navata centrale per benedire i presenti, accolto dal festoso applauso di tutta l'assemblea.

Romana, Nº 12, Gennaio-Giugno 1991, p. 152-153.

Invia ad un amicoInvia ad un amico