envelope-oenvelopebookscartsearchmenu

Università Panamericana

Nata a Città del Messico nel 1967, come Instituto Panamericano de Ciencias de la Educación, l'Università Panamericana si è andata via via arricchendo di nuove Facoltà e Istituti. Oggi, oltre al campus di Città del Messico, cresciuto attorno a un'antica fabbrica tessile del XVII secolo, dispone di una seconda sede a Guadalajara, nello Stato di Jalisco.

Attualmente, l'Università è articolata in sette Facoltà: Giurisprudenza, Pedagogia, Filosofia, Amministrazione e Finanza, Contabilità, Economia, e Ingegneria; ai rispettivi corsi di Licenza e di Dottorato si sono iscritti nell'ultimo anno accademico oltre tremilasettecento studenti.

A questi occorre sommare i partecipanti ai corsi degli altri Istituti annessi all'Università e cioè: l'Instituto Panamericano de Alta Dirección de Empresa (IPADE), l'Instituto Panamericano de Ciencias de la Educación (IPCE), la Escuela Superior de Administración de Instituciones (ESDAI), e la Escuela Preparatoria, previa all'accesso agli studi universitari.

Tra i principi irrinunciabili dell'Università Panamericana figura che a nessun giovane che ne possieda le capacità sia precluso l'accesso agli studi per motivi di ordine sociale, razziale, religioso o economico. Per ciò che concerne quest'ultimo aspetto, grazie ai contributi di aziende e di privati si può rilasciare un numero congruo di borse di studio: ne fruiscono il 20 e il 30% degli studenti dei corsi di Licenza e Dottorato, rispettivamente per le due sedi di Città del Messico e di Guadalajara, e il 15% degli alunni dei corsi preuniversitari.

Panoramica dei corsi post-universitari

Forse l'elemento più caratterizzante della formazione accademica impartita nell'Università Panamericana è dato dalla stretta collaborazione con il mondo del lavoro. Gli studi universitari non sono infatti concepiti come una fase transitoria della preparazione professionale e umana. Perciò l'Università organizza anche un'ampia serie di corsi rivolti a professionisti desiderosi di perfezionare le proprie conoscenze professionali, culturali ed etiche allo scopo di affrontare nel modo più corretto i problemi del lavoro.

Così, a complemento degli studi giuridici, vengono offerte specializzazioni in vari rami del Diritto —Amministrativo, del Lavoro, Penale, Fiscale—, alle quali si sono iscritti, solo nell'ultimo anno, trecentoquaranta laureati.

Ottantacinque pubblicisti dei vari media hanno invece frequentato le due specializzazioni di «Comunicazione e Sviluppo Umano» e «Comunicazione e Dinamica Sociale», con corsi di Psicologia, Antropologia, Sociologia ed Etica.

In collaborazione con il Fondo Nacional de Equipamiento Industrial, del Banco de México, l'Università rilascia il Diploma in «Finanziamento di Progetti Industriali». Alla prima edizione hanno preso parte venti professionisti del settore industriale e dei servizi.

I Diplomi in Filosofia e Pedagogia vengono incontro a quanti vogliono integrare la propria formazione tecnica con i contenuti di discipline umanistiche. Nell'ultimo anno accademico hanno frequentato i relativi corsi oltre duecento professionisti e studenti universitari iscritti, questi ultimi, a corsi di laurea in sette diverse università.

L'IPADE e la formazione dei dirigenti aziendali

Giunto ormai al suo ventiduesimo anno di vita, l'Instituto Panamericano de Alta Dirección de Empresas ha raggiunto un prestigio difficilmente eguagliabile nel mondo imprenditoriale messicano; lo prova la partecipazione di novemilanovecento dirigenti aziendali ai corsi di Continuità e Aggiornamento tenutisi nell'anno accademico 1987-88.

Nello stesso anno accademico, presso le tre sedi di Città del Messico, Guadalajara e Monterrey, centonovanta dirigenti hanno partecipato al programma destinato ai Direttori Generali, trecento a quello per Direttori di divisione e centoquindici al Master in Direzione Aziendale. Nel massimo rispetto per le convinzioni religiose degli assistenti, la formazione professionale che viene impartita in questi corsi dà il debito risalto alle responsabilità sociali del manager, in armonia con la dottrina della Chiesa.

L'ESDAI, per la promozione delle donne

La Escuela Superior de Administración de Instituciones, nata nel 1969 per iniziativa dell'associazione Hogar y Cultura, e dal 1989 parte integrante dell'Università Panamericana, rilascia un Diploma in Amministrazione di Istituzioni.

Il piano di studi è mirato a formare il personale di società ed enti preposti alla fornitura di servizi di nutrizione e alloggio. La preparazione tecnica, è armonicamente integrata con una solida formazione culturale, in modo da favorire un'adeguata presa di coscienza dell'inestimabile apporto di queste professioni al bene comune.

Le Scienze dell'Educazione

L'Instituto Panamericano de Ciencias de la Educación è sorto con l'obiettivo di offrire formazione a insegnanti di scuole di ogni ordine e grado, a formatori aziendali e ad orientatori familiari. A meno di un anno dall'inizio delle sue attività, trecentocinquanta persone circa avevano assistito ai corsi promossi in diversi Stati della Repubblica Messicana.

I corsi per insegnanti elementari e medi, tenuti a Città del Messico e a Guadalajara, hanno visto la partecipazione complessiva di novantuno professori e maestri di diciotto scuole. Settanta formatori aziendali hanno partecipato a due corsi rivolti specificamente a operatori delle industrie turistica e metallurgica.

* * * * *

Nel corso del suo viaggio pastorale in Messico del 1982, il Prelato dell'Opus Dei ebbe un incontro con parecchie centinaia di persone, la maggioranza studenti, nell'Università Panamericana. In quell'occasione, Mons. Alvaro del Portillo disse tra l'altro: «Avete tutta una vita davanti a voi, e dovete percorrerla con eleganza umana e con garbo soprannaturale. Se vi farete condurre per mano della Madonna, tutto sarà facile».

Queste parole, incise sulla base della statua della Vergine che presiedeva quella riunione e che ora è stata sistemata in una cappella all'interno del campus universitario, sono motivo di riflessione e di incoraggiamento per i numerosi visitatori.

Romana, Nº 10, Gennaio-Giugno 1990, p. 119-121.