Opus Dei. Bollettino RomanaBollettino della Prelatura della Santa Croce e Opus Dei

english
| español | français | italiano    
Se desidera leggere la versione completa di "Romana",    
può abbonarsi alla sua edizione cartacea    
Home - Mappa del sito | Abbonamenti - Cerca Per ricevere le news


61 • Luglio - Dicembre 2015 • Pagina 202
 
 
 
 •  Editoriale
 

L’anno della misericordia

Nel convocare un Giubileo, il Santo Padre Francesco invita a considerare che la Chiesa sa di essere portatrice dello slancio incontenibile del Signore: la salvezza è cosa di oggi. Utinam hodie vocem eius audiatis: nolite obdurare corda vestra – Ascoltate oggi la sua voce: non indurite il cuore (Sal 94 [95], 8). Nell’Antico Testamento una prefigurazione della salvezza di Dio è proprio quella dell’anno giubilare, che aveva luogo ogni 50 anni. Compiute sette settimane di anni (Lv 25, 8) – sette volte sette anni –, iniziava un anno nel quale gli schiavi erano liberati, e ognuno tornava nella sua proprietà e nella sua famiglia (cfr. Lv 25, 10.39), perché gli uomini non appartengono a nessuno, se non a Dio (cfr. Lv 25, 55).

Se volessimo riassumere con una sola parola ciò che comportava il Giubileo per il popolo d’Israele, questa potrebbe essere “libertà” (cfr. Lv 25, 10).
Libertà: oggi più che mai questa parola non è forse sulla bocca di tutti? Eppure, assai spesso dimentichiamo che la libertà, nel suo significato più profondo, proviene da Dio. Con la sua passione di salvezza e la sua risurrezione Egli ci libera dalla peggiore schiavitù: il peccato. Grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio, per cui verrà a visitarci dall’alto un sole che sorge per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre e nell’ombra della morte e dirigere i nostri passi sulla via della pace (Lc 1, 78-79).

La fonte della vera libertà sta nella misericordia di Dio. Secondo una logica semplicemente umana, questa affermazione potrebbe sembrare una ingenuità: forse si potrebbe ammettere che un po’ di misericordia sarebbe opportuna per addolcire i rapporti, ma soltanto dopo aver risolto molte altre cose più urgenti. In una udienza generale del mese di dicembre, Papa Francesco spiegava che mettere la misericordia al primo posto, «umanamente parlando, è da folli, ma ciò che è stoltezza di Dio è più sapiente degli uomini, e ciò che è debolezza di Dio è più forte degli uomini (1 Cor 1, 25)». Il mondo ha bisogno della misericordia per uscire da tante spirali di risentimento, di invidia, di frustrazione; ne hanno bisogno le famiglie e la società.

A un mondo che anela alla libertà senza riuscire a trovarla, la Chiesa non si stanca di offrire la misericordia del Signore, che comporta la libertà dei figli di Dio (SAN JOSEMARÍA, Amici di Dio, n. 267; cfr. Gal 5, 1). «La Chiesa ha bisogno di questo momento straordinario. In un’epoca di profondi cambiamenti come la nostra, la Chiesa è chiamata a offrire il suo contributo peculiare, rendendo visibili i segni della presenza e della vicinanza di Dio. E il Giubileo è un tempo favorevole per tutti noi, perché contemplando la Divina Misericordia, che supera ogni limite umano e risplende sulla oscurità del peccato, arriviamo a essere testimoni più convinti ed efficaci», diceva Papa Francesco il giorno dopo aver aperto la porta santa a San Pietro.

La porta santa ci ricorda, in un modo più vivo, da dove viene la salvezza: dall’ovile di Dio, dallo spazio di Dio, nel quale Egli ci invita a entrare. A volte noi uomini pensiamo che non c’è via di uscita, e tuttavia Dio «viene incontro a quelli che non lo cercano» – affermava il fondatore dell’Opus Dei (Amare la Chiesa, n. 39) – e ci invita ad aprire una porta alla speranza. Il Giubileo è «un Anno Santo per sentire forte in noi la gioia di essere stati ritrovati da Gesù, che come Buon Pastore è venuto a cercarci perché ci eravamo smarriti», ha detto il Papa in una omelia (11-IV-2015).

Ci troviamo, dunque, in un momento speciale per renderci conto della forza liberatrice della misericordia divina, che perdona i nostri peccati e ci apre agli altri uomini: «Questo Giubileo, insomma, è un momento privilegiato perché la Chiesa impari a scegliere unicamente “ciò che a Dio piace di più”. E che cosa è che “a Dio piace di più”? Perdonare i suoi figli, aver misericordia di loro, affinché anch’essi possano a loro volta perdonare i fratelli, risplendendo come fiaccole della misericordia di Dio nel mondo. Questo è quello che a Dio piace di più» (PAPA FRANCESCO, Udienza generale, 9-XII-2015).

La riconciliazione con Dio – che riceviamo nella Confessione, sacramento che sta al centro dell’anno giubilare (cfr. PAPA FRANCESCO, Bolla Misericordiæ Vultus, n. 17) – apre una porta per lasciare entrare nella nostra vita coloro che ci stanno accanto. Infatti, la misericordia di Dio non è un semplice mantello che copre le nostre miserie, senza che in realtà nulla cambi nella nostra vita. Al contrario, la sua misericordia ci trasforma radicalmente, ci rende uomini e donne misericordiosi come il Padre (cfr. Lc 6, 36): lo siamo quando perdoniamo coloro che ci avevano offeso, compiamo forse con un certo sforzo qualche opera di carità, facciamo conoscere il messaggio salvifico del Vangelo a chi vive lontano dal Signore. Avvicinarsi alla misericordia di Dio, assicurava san Josemaría, comporta necessariamente che ci trasformiamo in strumenti della sua compassione verso coloro che ci circondano: «Il cuore del Signore è un cuore di misericordia, che ha compassione per gli uomini e si avvicina a loro. La nostra dedizione, al servizio delle anime, è una manifestazione di tale misericordia del Signore, non solo verso noi, ma verso l’umanità intera» (Lettera, 24-III-1930, n. 1).


Archivio
 Archivio
Stampa questa pagina 
Dowload Palm version 
Segnala questa pagina ad un amico  
Link utili
Sito della Santa Sede
Opus Dei
Scritti del Fondatore dell'Opus Dei
Josemaría Escrivá Fondatore dell'Opus Dei
 
 
 
Romana - Bollettino della Prelatura della Santa Croce e Opus Dei
Redazione: V.le Bruno Buozzi 73 - 00197 Roma | redazione@romana.org
Amministrazione: it@romana.org
© romana.org · Aviso legal · Política de privacidad y cookies